IL PARCO DELLE CAVE A MARSALA

UNA CITTÀ NASCOSTA
di Audrey Vitale

Un paesaggio suggestivo che ricorda i grandi canyon, una città nascosta che racconta tante storie diverse. Il Parco delle Cave si trova nella periferia di Marsala, una struttura completamente recuperata da privati che con pazienza e tenacia hanno bonificato la zona rendendola fruibile ai visitatori per escursioni, trekking e arrampicate sportive, spettacoli e tante altre iniziative. Le più note forse sono quelle di Favignana, ma anche nell’entroterra del trapanese, fra Marsala e Mazara del Vallo si trovano, molte cave a cielo aperto – alcune delle quali ancora attive – realizzate per estrarre i litoidi di calcarenite arenaria, chiamati comunemente “tufi”, rocce di origine vulcanica dalla struttura granulare, leggera e porosa, utilizzate per la costruzione di abitazioni. Oggi l’attività estrattiva di questo particolare tipo di materiale è ridotta al minimo, sia per gli alti costi di estrazione e lavorazione che per quelli di trasporto; i nuovi materiali utilizzati nell’edilizia consentono infatti costi e tempi più ridotti. Il parco, aperto dal 2012, offre diversi “livelli di esplorazione”, in un’area visitabile di quarantadue mila metri quadri è possibile fare trekking, scoprendo la fauna e la flora tipicamente mediterranea fra palme nane, asparagi, capperi selvatici e piante aromatiche, inoltre le fessure nella roccia favoriscono la nidificazione di uccelli protetti, tra cui il Gruccione, una specie variopinta che nidifica nelle coste dell’Europa meridionale. Avvicinandosi alle pareti di roccia brillante, si possono vedere i segni delle lavorazioni del materiale e si può scoprire come, fino a qualche decennio fa, si estraesse la calcarenite attraverso la realizzazione di un varco nello strato superiore del terreno duro e roccioso (la cosiddetta Ciara) scendendo sempre più in profondità per estrarre “l’oro giallo” utilizzato anche per la realizzazione di sculture e opere artistiche. Questo sito d’interesse comunitario è l’unico parco del genere in Italia, un esempio di maestosità di una cava in ipogeo, una città spontanea, scavata nel terreno, fino a profondità di 30/40 metri, splendidamente arredata da grandi e spettacolari monoliti (rocce considerate “scarti” dai cavatori), ricoperti di macchia mediterranea. Un luogo affascinante anche per gli appassionati di speleologia, che possono esplorare le grandi caverne artificiali e le gallerie multiple, scoprendo dei veri e propri tesori nella roccia, che indica anche la storia millenaria attraverso diversi strati e le impronte di vari fossili.  Il Parco offre un’area attrezzata, ma anche la possibilità di poter fare delle passeggiate a piedi o a cavallo o di realizzare attività particolari come l’arrampicata sportiva o tornei di Softair.  L’area inoltre ospita anche particolari ed emozionanti rappresentazioni teatrali, oltre a diversi eventi musicali e artistici. Per informazioni, visite ed escursioni: www.parcodellecavemarsala.it