ENTE LUGLIO MUSICALE

Dalla grande lirica alla danza, dai concerti agli incontri letterari.
Trapani città di musica e arte

«…la Censura ha guastato il senso del dramma. Han fatto la Traviata pura ed innocente. Tante grazie! Così han guastato tutte le posizioni, tutti i caratteri. Una puttana deve essere sempre puttana. Se nella notte splendesse il sole, non vi sarebbe più notte. In somma, non capiscono nulla». Sono le parole di Giuseppe Verdi che lamenta il rimaneggiamento del suo lavoro ad opera della Censura all’esordio dell’opera nel 1853. Il regista Andrea Cigni, nell’allestimento del melodramma verdiano, nell’ambito della 71^ stagione lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, porta in scena, dopo averla già proposta con grandissimo successo lo scorso anno, una Traviata la cui lettura è insieme filologica, scandalosa e  aderente all’immagine di una Violetta Valery che oggi ben vedremmo nei panni di un’escort, frequentatrice dei salotti dell’alta finanza e della politica. L’allestimento di Cigni, contemporaneo, coraggioso e spregiudicato, che andrà in scena il 19 e 21 di agosto, è solo una delle proposte della ricchissima stagione dell’Ente Luglio Musicale. Completano il cartellone lirico Carmen di Bizet (14 e 16 luglio); il dittico Cavalleria rusticana di Mascagni / Pagliacci di Leoncavallo (29 e 31 luglio); Otello di Verdi (11-13 agosto). Tutte le rappresentazioni saranno allestite nel teatro all’aperto “Giuseppe Di Stefano”, all’interno della Villa Comunale Margherita. Il cinquecentesco chiostro di San Domenico ospiterà: il Quintetto d’archi della Accademia Santa Cecilia (19 luglio); Orphée aux enfers di Offenbach (28 e 30 luglio); Dido and Aeneas di Purcell (10 e 12 agosto). L’Ente Luglio sarà in trasferta presso il parco archeologico di Lilybeo (Marsala) con Carmina Burana di Orff (18 luglio); Rapsodia in blue di Gershwin con al piano la talentuosa Sinforosa Petralia e Bolero di Ravel (14 agosto). Ed ancora spettacoli di danza, concerti, teatro musicale, nell’ambito del progetto Trapani città Mediterranea della Musica, che colloca il capoluogo della Sicilia Occidentale al centro di progetti artistici di livello nazionale e internazionale. «Anche quest’anno – ci racconta Giovanni De Santis, direttore artistico dell’Ente Luglio Musicale Trapanese – l‘ELMT amplifica la sua proiezione internazionale con “Medithéâtres – Grande Musique Dans Les Anciens Théâtres Méditerranéens” un partenariato transnazionale tra Italia e Tunisia attraverso la collaborazione prestigiosa  con il Théàtre de l’Opéra de Tunis per promuovere la nascita di un polo produttivo d’eccellenza italo-tunisino nel settore lirico-sinfonico e per mettere in scena opere liriche e di spettacoli sinfonici e corali nei rispettivi teatri antichi». Si pensi al valore artistico di opere messe in scena al teatro antico di Cartagine, come l’Aida dello scorso anno, e alla potenzialità dei siti archeologici trapanesi: Segesta con il suo teatro e il tempio dorico; le cave di Cusa, Selinunte, Mothia. Trapani grazie al Luglio Musicale assume la dimensione di una meta turistica transnazionale capace di offrire arte e cultura su entrambe le sponde del Mediterraneo.

I biglietti possono essere acquistati:
Botteghino Ente Luglio Musicale Trapanese
Viale Regina Margherita, 1 (all’interno della Villa Comunale)
dal lunedì al venerdì – ore: 09.00/13.00 – 16.30/19.00
sabato – ore: 10.00/13.00 – 17.00/19.00
Oppure online sul sito: www.lugliomusicale.it
Tel. + 39 0923.29290