Castellammare del Golfo

Castellammare del Golfo, delizioso borgo che sorge alle pendici del Monte Inici, racchiude nel suo territorio i meravigliosi faraglioni di Scopello, la baia di Guidaloca e nella parte più orientale la Riserva Naturale Orientata dello Zingaro.

Castellammare del Golfo - 1

Il porto di Segesta

Castellammare nasce nella remota antichità come porto della città elima di Segesta, poi ellenizzatasi, per lo scarico, deposito e vendita delle merci. La cittadina prese il nome di al-madariğ,“le scale”, quando arrivarono gli Arabi e il nome pare derivi dalla scalinata che dalla parte più alta del bastione fortificato conduceva al porto. Saranno proprio gli Arabi a creare il primo nucleo del “castello a mare“ poi ampliato dai Normanni che ne fecero un’importante fortezza, seguirono gli Svevi, gli Angioini e gli Aragonesi.

Tra la fine del 500 e l’inizio del 600 Castellammare iniziò ad espandersi. La crescita economica divenne continua e Castellammare ospitò una popolazione sempre più numerosa. Nel 1820 durante i moti per l’indipendenza, i castellammaresi furono tra i primi a schierarsi per l’indipendenza dai Borboni, successivamente sostenendo Garibaldi, fino all’Unità d’Italia.

Castellammare del Golfo - 2

Il castello

Il Castello Arabo-Normanno domina il porto della città. La fortificazione araba fu insediata intorno al X secolo nella stessa area che fu porto della vicina Segesta, e dalla quale partivano vino e granaglie prodotti all’interno nell’agro ericino (dalla vicina Busith di fondazione araba) e nell’agro alcamese (di marca tardo romana).

Il castello fu certamente ampliato dai Normanni, dopo la vittoria sugli arabi, e successivamente divenne un’importante fortezza con gli Svevi che lo cinsero di mura e vi innalzarono le torri. Il Castello nel corso dei secoli è divenuto il simbolo della città, fino a identificarne il toponimo, imprimendosi sulle mappe e le carte geografiche, come Castellammare del Golfo, e sui portolani come Golfo di Castellammare. Dopo gli anni di abbandono, successivi al II conflitto mondiale, il castello è stato restaurato. Oggi ospita, il Polo Museale “La memoria del Mediterraneo”.

Recentemente è stato inaugurato “Piazzale Stenditoio” area della cala marina antistante il castello, una vera e propria terrazza sul mare.

Castellammare del Golfo - 3

Religione, arte e tradizione

La Matrice costruita nel 1726 con tre navate che custodisce la statua maiolicata rappresentante la Madonna del Soccorso della seconda metà del 500, affreschi di Giuseppe Tresca raffiguranti episodi del Vecchio Testamento e un acquasantiera del 600.

Castellammare del Golfo - 4

La Chiesa della Madonna del Rosario si trova all’interno del borgo adiacente al castello, di epoca normanna, presenta un portale con un bassorilievo della Madonna col Bambino con i Santi ed il Crocifisso, attribuita al Gagini.

Il Santuario della Madonna della Scala è una piccola chiesa sulla parete prospiciente il porto. Leggenda narra che il 7 settembre 1641 Maria D’Angelo, una ragazza che pascolava il gregge volendosi riparare da un violento temporale si rannicchiò nell’antro scavato da un fulmine. Lì rinvenne una scatola di rame arrugginita con dentro una piccola scatola d’argento che riportava il monogramma della Vergine. Al ritrovamento della scatolina il temporale cessò e la pastorella fu ritrovata. Quando l’arciprete di Castellammare aprì la scatola, vi trovò una croce d’argento e un reliquario contenente l’immagine della Madonna con in braccio il Bambino Gesù. Si gridò al miracolo e fu edificata la chiesa. ( Fonte Wikipedia)

Il carso sul mare

Sul Monte Inici sono presenti diverse grotte sia lungo le pareti che sott’acqua.

  • Grotta di S. Margherita: si trova su una parete a strapiombo a 15 metri sul livello del mare.
  • Grotta della Ficarella: è una grotta subacquea nella riserva naturale dello Zingaro, si accede a 14 metri di profondità attraversando un ampio cunicolo.
  • Grotta dell’Eremita anche detta “grotta del cavallo”, si sviluppa per 4.500 metri con un dislivello di 310 metri.
  • Abisso dei Cocci con uno sviluppo di 2.000 metri e un dislivello complessivo di 420 metri

Da Castellammare, in particolare da Scopello, si accede ad uno degli ingressi della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, una delle aree costiere meglio preservate della Sicilia.

Il pane cunzato

Una delle specialità culinarie di Castellammare del Golfo è il Pane Cunzato, tipico pane cotto a legna condito con pomodoro, origano, sale, olio, formaggio primo sale e acciughe sotto sale.

Castellammare del Golfo - 5

Potrebbe piacerti anche

Il tonno della storia  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

Il tonno della storia  

Il tonno nella storia ha un radicamento profondo. La pesca del tonno e il consumo della sua carne hanno origini anti...

  • Ninni Ravazza
  • 9 maggio 2022
Castellammare, confine sul golfo
  • Castellammare del Golfo
  • Territorio e Architettura

Castellammare, confine sul golfo

Percorrendo la statale 187 che da Trapani porta all’intersezione con la SS 113, la cosiddetta settentrionale sicul...

  • Stefania Martinez
  • 18 maggio 2021
La Riserva dello Zingaro
  • Castellammare del Golfo
  • Mare e Montagna

La Riserva dello Zingaro

Fra San Vito lo Capo e Scopello, all’estremità del golfo di Castellammare e lungo la costa che da greci e latini ...

  • Stefania Martinez
  • 5 agosto 2022
Il Pane Cunzato
  • Castellammare del Golfo
  • Cibo e Sapori

Il Pane Cunzato

Come tante magie della cucina tradizionale tutto ebbe inizio in campagna, quando una volta a settimana le donne cont...

  • Angelo Benivegna
  • 28 luglio 2013
Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo

Nelle vene spirituali di Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale e assessore ai Beni culturali della Regi...

  • Fabio Pace
  • 20 agosto 2019
Sposarsi sulle isole. Il fascino della Sicilia
  • Wedding Sicily

Sposarsi sulle isole. Il fascino della Sicilia

Favignana, Levanzo e Marettimo sono divenute luoghi d’elezione per il matrimonio di molte coppie. La nostra Sicili...

  • Fabio Pace
  • 30 luglio 2021