La Provincia di Catania

L’Etna è il vulcano con il quale Catania e l’hinterland vivono in simbiosi.

La Provincia di Catania - 1

L’Etna caratterizza l’aspetto cromatico di ogni luogo nell’intorno catanese con le sue scale di neri e di grigi della pietra lavica. Si potrebbe perfino affermare che l’Etna condizioni il carattere dei catanesi, vulcanici come la montagna che li domina, capaci di eccessi caratteriali, di improvvise accensioni di ingegno, sempre pronti a erompere in battute dalla sagacia bruciante. Anche nelle architetture l’esplosione di forme, di vuoti e di pieni, ha segnato l’abitare di questi paesi e del capoluogo.

La Provincia di Catania - 2

Il barocco di Catania, di Caltagirone e di Militello è Patrimonio dell'umanità.
Militello è anche nota per le floride coltivazioni di arance e per i tradizionali dolci di mosto d'uva e fichi d'india.
Caltagirone è sinonimo di ceramica, un’arte dalla tradizione millenaria. Imperdibili le visite ai diversi laboratori ceramici e al meraviglioso museo delle ceramiche, summa dell’arte ceramica siciliana. I colori, le decorazioni e i motivi della ceramica di Caltagirone hanno peculiarità che rendono i manufatti immediatamente riconoscibili anche ai non esperti. La Scalinata di Santa Maria del Monte (A Scala dda Matrìci) datata 1606 collega le due parti antiche del centro storico, quella in basso, più vecchia e quella “moderna” seicentesca nella parte alta. È lunga oltre 130 metri su cui si sviluppano 142 gradini, ognuno riccamente decorato da maioliche. Nella notte tra il 24 e il 25 luglio, per San Giacomo, patrono della città, viene illuminata da migliaia di lumini.

La Provincia di Catania - 3

Tra le tradizioni popolari più sentite c’è la festa di Sant’Agata, patrona della città di Catania, a santuzza per i catanesi. Una festa barocca, come la vara riccamente decorata (il fercolo su cui poggia il simulacro). La festa dura tre giorni dal 3 al 5 febbraio e coinvolge l’intera città. Replica il 17 agosto, giorno in cui si celebra il ritorno delle spoglie della santuzza.

La Provincia di Catania - 4

Imperdibile un tour tra i palazzi del barocco catanese e la visita al Castello Ursino, fatto edificare da Federico II, oggi sede del museo civico.
Particolarissimo il borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti, che resistendo all’assalto della moderna edilizia è divenuto uno degli snodi della movida catanese.
Da visitare i mercati di “Fera ‘o Luni” e la “Piscaria”.
Cibo di strada: polpette e salsicce di carne equina al motto di “arrusti e mangia”. La Plaia, 18 chilometri di litorale a sud della città, è la spiaggia dei catanesi.

La Provincia di Catania - 5
Castello Ursini

Ricco il patrimonio naturalistico con la Riserva Naturale Ingrottato Lavico del Simeto e più a valle la Riserva Naturale Oasi del Simeto.

La Provincia di Catania - 6

Il territorio provinciale soprattutto nel calatino, a Militello, a Vizzini, a Grammichele e Caltagirone è ricco di aziende agrituristiche e zone paesaggistiche di grande bellezza. Vestigia, dalla preistoria al periodo greco e romano, vi sono a Paternò, Acireale, Adrano, Grammichele. Acireale è nota per il carnevale, festeggiato con carri allegorici e sfilate, uno dei più antichi d’Italia dopo quello di Viareggio.
Bellissima la barocca Piazza del Duomo, la cui nuova pavimentazione reca la firma dell’architetto Paolo Portoghesi.
Paternò vanta la Rocca normanna, un unicum dell'architettura normanna in Sicilia, posta a difesa della valle del Simeto dalle incursioni arabe. È un edificio a pianta rettangolare su quattro livelli per un'altezza di 34 m. I muri hanno uno spessore di 2,60 metri, lo stesso che si riscontra in molte altre costruzioni dell'epoca e al Castello Ursino.

La Provincia di Catania - 7
Acireale - Piazza del Duomo

Potrebbe piacerti anche

Makari: la fiction di Rai1 che fa sognare. Tutte le curiosità
  • San Vito Lo Capo
  • Arte e Cultura

Makari: la fiction di Rai1 che fa sognare. Tutte le curiosità

La fiction di Rai1 interpretata da Claudio Gioè inizierà lunedì 15 marzo in prima serata e continuerà il 16 marz...

  • Federica Barbera
  • 15 marzo 2021
Cùscusu. L'ortodossia dice pesce ma …
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

Cùscusu. L'ortodossia dice pesce ma …

Dalle frequentazioni dei nostri pescatori nei porti e con i popoli del Maghreb, deriva la diffusione del cous cous n...

  • Antonella Poma
  • 4 agosto 2021
Il Museo Pepoli, uno scrigno di tesori
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Il Museo Pepoli, uno scrigno di tesori

Il Museo Pepoli, nacque nel XIII secolo come convento carmelitano, dal 1906, per volontà del suo fondatore, Agostin...

  • Fabio Pace
  • 9 giugno 2015
Visite e degustazioni in cantina: dal marsala ai vitigni autoctoni trapanesi
  • Marsala
  • Esperienze e Itinerari

Visite e degustazioni in cantina: dal marsala ai vitigni autoctoni trapanesi

Le visite e le degustazioni in cantina, alla scoperta dei vitigni autoctoni siciliani e della cultura legata al vino...

  • Federica Barbera
  • 8 agosto 2020
Quelle viti ad Occidente
  • Marsala
  • Reportage

Quelle viti ad Occidente

Il primo atto di riconciliazione con la terra, compiuto da Noè sbarcato dall’arca dopo il diluvio universale, è ...

  • Fabio Pace
  • 27 luglio 2018
L’ultima Provincia
  • Libri in valigia

L’ultima Provincia

Sellerio editore Palermo Collana la Memoria - 1983 Luisa Adorno (pseudonimo di Mila Curradi) è toscana ma per ra...

  • Fabio Pace
  • 27 luglio 2022