La Provincia di Enna

Tutti i comuni della provincia di Enna, sono posti in zone collinari o montane. L’intero territorio provinciale si sviluppa tra valli, prendici e vette dei Monti Nebrodi ed Erei. Il capoluogo, Enna, domina la valle del fiume Dittaino, arroccata su speroni rocciosi la città fu definita Urbs Inexpugnabilis dai romani.

La Provincia di Enna - 1

Roccaforte inespugnabile lo fu per secoli per sicani, greci, romani, bizantini, arabi, normanni, svevi e aragonesi. Ma fu la conquista normanna a definire molto delle caratteristiche urbanistiche dei paesi dell’ennese. Tracce normanne sono presenti a Enna nel Castello di Lombardia, già castrum dei bizantini; a Sperlinga nel Castello Rupestre; ad Aidone con il Castello dei Gresti o di Pietratagliata.

La Provincia di Enna - 2

Il Belvedere della Sicilia

Ancora oggi la posizione di Enna offre uno sguardo ampio su gran parte della Sicilia Centrale: dal Belvedere Marconi si può apprezzare il paesaggio dall'Etna alle Madonie, mentre Viale Nino Savarese, che cinge il castello permette di passare dal panorama a nord a quello a sud. Ma è sulla Torre delle Aquile del Castello, da oltre 1000 m d'altezza che si domina l’intorno a 360 gradi.

Perle della provincia sono, senza dubbio, la Villa del Casale, a Piazza Armerina, con i suoi mosaici tardo romani (Patrimonio dell'umanità), e il Sito Archeologico di Morgantina città sicula e greca.

La Provincia di Enna - 3

La Villa del Casale è una delle meglio conservate al mondo, residenza patrizia costruita su una presistente fattoria, ricca di ambienti decorati con mosaici splendidamente conservati che raccontano, ancora oggi, quanto fosse sofisticato il mondo romano e quanto fossero intense le relazioni commerciali con l’Africa. A Morgantina, invece, è possibile leggere la stratificazione di diverse culture: dai sicani ai siculi, dai greci ai fenici, ai romani. Passeggiare tra le rovine di Morgantina è come camminare nella storia remota della Sicilia. Molti dei preziosi reperti di Morgantina, tra cui una collezione di argenti, sono conservati e in mostra nel Museo della vicina Aidone.

Tra questi reperti la splendida Dea di Morgantina, dai più erroneamente appellata “Venere”.

Di interesse naturalistico la Riserva del Lago di Pergusa a 10 km da Enna e il Parco Minerario di Floristella - Grottacalda, un tempo una delle più famose miniere zolfifere d'Italia.

La Provincia di Enna - 4

Da vedere a Enna

A Nicosia il tetto ligneo dipinto della Cattedrale di San Nicola, una vera rarità dell'arte pittorica siciliana del '400.

La Provincia di Enna - 5
La Provincia di Enna - 6

Ad Agira, nella chiesa del Santissimo Salvatore, l’Aron più antica d’Europa (l’armadio sacro di una preesistente sinagoga in cui veniva conservata la Torah). Preziosa testimonianza della cultura ebraica l’Aron di Agira, o arca santa, in pietra aragonese, è inserita negli itinerari turistici dell’Unione delle comunità ebraiche in Italia.

La Provincia di Enna - 7
La Provincia di Enna - 8

La Gastronomia

Gustosissima la gastronomia ennese legata ai prodotti della pastorizia e dell’allevamento. Tra i formaggi, il più famoso è il “piacentinu”, un pecorino aromatizzato con pepe nero in grani e zafferano che si è guadagnato la DOP, ma non manca il classico “primu sali”. Tra i primi piatti da assaggiare assolutamente la ricca “pasta ricasciata” (timballo di maccheroni al ragù, uova, salame, formaggio e piselli) ed i “maccheroni in agrodolce” (a base di ragù di carne, melanzane, zucchero e cannella). La “salsiccia magna” viene preparata con carne suina con aggiunta di semi di finocchio e caciocavallo. Anche nell’ennese è diffusa la “cubbaita”, torrone di origine araba con sesamo, miele e mandorle, ma sono assolutamente da assaggiare le “sfince di riso” di Nissoria.

Potrebbe piacerti anche

La mostra di Pietro Consagra a Villa Zito
  • Palermo
  • Eventi

La mostra di Pietro Consagra a Villa Zito

dal 17 settembre al 4 dicembre 2022 - Pinacoteca di Villa Zito – PalermoPietro Consagra, considerato uno dei maggiori esponenti dell’astrattismo italiano, più noto come scultore ma altrettanto efficace e innovativo con pennelli e tele, viene celebrato in questi giorni, e lo sarà fino al prossimo 4 dicembre, in una mostra presso la Pinacoteca di Villa Zito a Palermo.

  • Fabio Pace
  • 26 settembre 2022
Pasqua, in Sicilia la tradizione gastronomica barocca
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

Pasqua, in Sicilia la tradizione gastronomica barocca

I cibi della Pasqua, in Sicilia, hanno un ruolo centrale. Nella nostra terra, in vero, ogni ricorrenza, sacra o prof...

  • Piero Rotolo
  • 26 luglio 2022
Il pesce azzurro e le Egadi
  • Levanzo
  • Reportage

Il pesce azzurro e le Egadi

Il pesce azzurro, con tutte le sue varietà, è molto più che una base per le ricette trapanesi e siciliane più in...

  • Fabio Pace
  • 20 maggio 2021
L’ultima Provincia
  • Libri in valigia

L’ultima Provincia

Sellerio editore Palermo Collana la Memoria - 1983 Luisa Adorno (pseudonimo di Mila Curradi) è toscana ma per ra...

  • Fabio Pace
  • 27 luglio 2022
Ad Erice gli altarini alla Madonna di Custonaci
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Ad Erice gli altarini alla Madonna di Custonaci

Fede e tradizione muovono gli ericini a celebrare ogni anno, l'ultima settimana del mese di agosto, i festeggiamenti...

  • Fabio Pace
  • 5 agosto 2022
Le Chiese più belle di Trapani
  • Trapani
  • Territorio e Architettura

Le Chiese più belle di Trapani

Le chiese più Belle di Trapani che vale la pena visitare sono tante. Alcune veri gioielli architettonici, o scrigni...

  • 20 luglio 2022