Erice e i suoi caratteristici tetti

Alla scoperta di un "altro" panorama

Dal suo altopiano di forma triangolare, Erice domina come una terrazza sul mare. Lungo i percorsi esterni si ammirano grandiosi panorami che si estendono su tutta la valle, fino alla costa e alle isole Egadi. Il borgo medievale, piccolo e raccolto, è un labirinto di stradine, acciottolate con pavimentazione in pietra posta a riquadri, e varchi, a volte così stretti da permettere il passaggio di un solo uomo (venule).

Vista aerea di Erice

Lungo le strade un susseguirsi di chiese, monasteri e le curatissime case, con caratteristici e fioriti cortili interni, che regalano attimi di intimità familiare. Scorci che colpiscono per perfezione di ordine e pulizia; alcuni seminascosti ma sempre coronati e dominati dalla pietra che ad Erice fa da padrona!

Tetti del borgo medievale
Ph: Comune di Erice

I tetti del borgo medievale

Qui tutto ha mantenuto le caratteristiche architettoniche originarie, dalle strade alle case in pietra fino ai meno noti tetti in coppi di terracotta; punti di vista da ricercare, perché meno evidenti, ma che regalano una prospettiva unica e osservabile solo da alcuni punti del paese o dalle terrazze delle case private poste nelle zone più alte.

Tetti del borgo medievale di Erice
Ph: Nino Lombardo

Un panorama scosceso, fatto dal susseguirsi serrato delle coperture delle case, separate di tanto in tanto dalle strette strade, e dalle quali si evince il posizionamento del tessuto urbano sul terreno in discesa o sui piccoli terrazzamenti. Talvolta piani ma per lo più a falda, i tetti sono rigorosamente rivestiti con coppi di terracotta e regalano una particolare varietà cromatica generata dalle leggere sfumature melange del materiale e “dall’onda” della loro forma.

Tetti del borgo medievale di Erice
Ph: Comune di Erice

Una veduta originale e suggestiva, fatta da tegole allineate come soldati, posate in un’assoluta armonia grazie all’opera attenta e paziente di mani esperte e a un’arte tramandata da padre in figlio. Una tecnica antica che nonostante i rifacimenti e le nuove costruzioni, s’è mantenuta nel tempo caratterizzando lo scenario ericino.

Tetti di Erice
Ph: Comune di Erice

Suggestioni visive

Un panorama che potrete ammirare recandovi, ad esempio, al Castello, posto su uno dei punti più alti del paese e con una delle più ampie prospettive sui tetti. Oppure recandovi alla Torre Campanaria, accanto alla Cattedrale, salendo scorgerete vedute diverse attraverso le feritoie e le bifore in stile chiaromontano e sulla sommità, attraverso la merlatura ghibellina, ammirerete una stupefacente vista sui tetti ericini.

Tetti di Erice

Che sia una giornata di sole o con un velo di nebbia, da lì dominerete e capirete a fondo tutta la maestria degli artigiani, in un’atmosfera magica, nella quale i tetti sembrano scolpiti dal sole e dal vento, che lascerà senza parole. Riuscire a vedere questo panorama in tranquillità e silenzio è uno dei ricordi più belli che può regalare Erice. Nelle vostre passeggiate provate anche a ritagliare uno scorcio tutto vostro, un angolo dal quale scorgere e apprezzate la bellezza dei tetti che, seppur in una panoramica ridotta, con Il silenzio o con il solo eco dei passi sull’acciottolato, donerà un attimo d’intimità e di serenità diverso rispetto agli altrettanti affascinanti panorami dei percorsi tradizionali.

Panorama vista Cofano

Gatti sui tetti e per le strade

Non sarà difficile vedere per le strade e i tetti di Erice un gran numero di gatti che si aggirano come padroni; perché da sempre in questo borgo i gatti sono i benvenuti e gli abitanti si prendono cura di loro;

accogliendoli nei cortili, ponendo quotidianamente un pasto lungo la strada di casa o addirittura preparandolo appositamente, per poi lasciarlo in più strade lungo il paese!

Cortile gatti

Potrebbe piacerti anche

Erice: i giardini del balio, le torri e la torretta Pepoli
  • Erice
  • Territorio e Architettura

Erice: i giardini del balio, le torri e la torretta Pepoli

Muovendo dalle strade lastricate del Borgo medievale di Erice quattro varchi conducono ai giardini del Balio, ora pr...

  • Stefania Martinez
  • 28 maggio 2021
Erice in inverno. Il fascino della nebbia
  • Erice
  • Territorio e Architettura

Erice in inverno. Il fascino della nebbia

Erice (Monte San Giuliano), 751m sul livello del mare, è per i trapanesi un punto di riferimento tale d’aver meri...

  • Francesca Adragna
  • 1 giugno 2021
Villa Margherita: i giardini urbani di Trapani
  • Trapani
  • Territorio e Architettura

Villa Margherita: i giardini urbani di Trapani

Passando dalla Villa Margherita mia nonna ripeteva sempre: «È la villa più grande d'Italia!». Ovviamente non è ...

  • Flavia Fodale
  • 18 maggio 2021
Selinunte: il parco più grande d’Europa
  • Castelvetrano Selinunte
  • Territorio e Architettura

Selinunte: il parco più grande d’Europa

Lo Splendore del Dorico

Selinunte, in latino Selinus, fondata nel 650 a.C. da Diodoro Siculo tra le due valli del Belìce e del Modione, è ...

  • Stefania Martinez
  • 26 maggio 2021
Valderice, territorio agro turistico
  • Valderice
  • Territorio e Architettura

Valderice, territorio agro turistico

Le radici secolari della villeggiatura

Valderice, territorio agro turistico, si potrebbe sintetizzare così la vocazione economica del comune collinare. Ap...

  • 8 agosto 2022
San Vito Lo Capo e il suo Santuario
  • San Vito Lo Capo
  • Territorio e Architettura

San Vito Lo Capo e il suo Santuario

Epicentro urbanistico e storico

Il paese di San Vito Lo Capo è raccolto attorno alla Chiesa Madre, che s’impone sulla piazza centrale per dimensi...

  • Paola Corso
  • 18 maggio 2021