Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti

Dal profondo blu di Pantelleria

Il mare di Pantelleria ha colori diversi. Forse è solo la sensazione che coglie chi guarda tra le onde.
Forse è frutto della natura dell’isola; come se le rocce vulcaniche che segnano le linee della terraferma ed i punti degli scogli riuscissero a marcare cromaticamente anche le acque: verdi e brillanti, azzurre e cristalline, blu e profonde. Sempre in contrasto con i neri dell’ossidiana, dei basalti e dei gabbri; acque e insieme cornici colorate della perla nera del Mediterraneo.

Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti - 1

«Una volta - racconta Leonardi - in quel punto ho osservato centinaia di barracuda, forse qualche migliaio, ma era un giorno fortunato, senza correnti».
Chi ama l’archeologia può immergersi a Gadir, a Scauri, Cala Tramontana, Punta Tre Pietre. Ci sono anfore, ancore litiche e altri reperti, lungo percorsi segnalati.

Ogni versante dell’isola è diverso dall’altro. Ogni immersione è particolare.
«Oltre la secca di Nicà io preferisco la zona del Faraglione, non lontano dall’arco dell’Elefante. Credo che siano il meglio a livello ricreativo».
Oltre a quelli già citati, sono luoghi noti di immersione: la Secca di Campobello; Punta Spadillo e Punta Liscetto, Cala Armani, Punta Ruba Sacchi, Cala Levante, Martingana, Punta Limarsi.
Il periodo migliore per godersi i fondali dell’isola è settembre, sempre meglio che l’affollato agosto.
Il mare è caldo, la visibilità migliore e, da non sottovalutare, i prezzi sono più bassi, sia per gli affitti che per i servizi.

Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti - 2

Fabio Leonardi, sub professionista, per anni si è tuffato in questa tavolozza di colori; ha collaborato con la soprintendenza ai beni culturali, gestito un diving ed oggi lavora nel campo della ricerca subacquea.
È anche l’animatore del gruppo “Pantelleriadivers Tribe” (su facebook ricche gallerie fotografiche che suggeriamo di visitare). Anche sotto la cresta delle onde i colori di Pantelleria conservano assoluta originalità.
Basta immergersi alla secca di Nicà per vivere una esperienza particolarissima.

Potrebbe piacerti anche

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo

Nelle vene spirituali di Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale e assessore ai Beni culturali della Regi...

  • Fabio Pace
  • 20 agosto 2019
Marco De Bartoli
  • Marsala
  • Personaggi ed interviste

Marco De Bartoli

Interprete autentico del vino Marsala

Caso strano quello di Marco De Bartoli. Quando si parla di lui e dei suoi vini, la critica incontra il pubblico e i ...

  • Laura Di Trapani
  • 3 settembre 2012
Anissa Helou. Intervista alla chef libanese che ha scelto Trapani
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Anissa Helou. Intervista alla chef libanese che ha scelto Trapani

Questione di chimica e di tempo

La casa della chef internazionale Anissa Helou si affaccia sul mare di Trapani. Dalla terrazza si dominano l’orizz...

  • Fabio Pace
  • 15 settembre 2022
Il Museo Pepoli, uno scrigno di tesori
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Il Museo Pepoli, uno scrigno di tesori

Il direttore Luigi Biondo ci guida tra le sale e le opere d’arte

Il Museo Pepoli, nacque nel XIII secolo come convento carmelitano, dal 1906, per volontà del suo fondatore, Agostin...

  • Fabio Pace
  • 9 giugno 2015
Pantelleria e le sue acque termali
  • Pantelleria
  • Mare e Montagna

Pantelleria e le sue acque termali

Pantelleria viene chiamata la Perla Nera del Mediterraneo, isola di origine vulcanica e quindi ricca di pietra lavic...

  • Stefania Martinez
  • 28 luglio 2022
Pantelleria "Perla Nera" e la sauna di Benikulà
  • Pantelleria
  • Territorio e Architettura

Pantelleria "Perla Nera" e la sauna di Benikulà

Residui di Vulcanesimo

Pantelleria, “Perla Nera” isola al centro del Mar Mediterraneo, più vicina alla Tunisia che alle coste della Si...

  • Flavia Fodale
  • 18 maggio 2021