Il carretto siciliano

Un'icona scomparsa

Intarsi dalla laboriosa manifattura, coloratissimi dipinti e fastosi ornamenti nel carretto siciliano si uniscono in un’armonia perfetta: una piccola opera d’arte in movimento. I variopinti disegni, la potenza dei colori, le sgargianti figure divennero preziosi “libri in movimento” per narrare le vite dei Santi, le gesta dei sovrani, i Vespri Siciliani, le avventure dei paladini ed altri episodi storici, letterari, leggendari. Originariamente il carretto era semplice ed essenziale, poi l’usanza di decorarlo nacque per emulare le fastose carrozze della nobiltà. Questo vezzo divenne occasione per ostentare la bravura dei pittori e l’agiatezza del committente.

Il carretto siciliano - 1

Ogni parte del carretto evidenziava le laboriose competenze delle maestranze siciliane: carradori e carrozzieri sceglievano i legni; l’intagliatore smussava gli angoli e creava figure scolpite. Il decoratore e il pittore “illuminavano” il prezioso carro con i colori della Sicilia: i gialli del vibrante sole, il turchese del mare e la porpora della lava e della calda terra. Per finire il carretto occorreva ancora il fabbro per gli elementi in ferro e il bardatore per le bardature dei cavalli. A questo punto, bisognava prendersi cura dell’animale da traino (mulo, asino o cavallo) che il “siddaru” vestiva a festa con ornamenti e pennacchi colorati e con campanelle di svariate dimensioni e suoni.

Il carretto siciliano - 2

Nei primi del 900, ma soprattutto nel secondo dopoguerra, la motorizzazione fece cadere in disuso il carretto sebbene, con la sua forte personalità, sia rimasto l’oggetto più conosciuto e significativo dell’arte popolare siciliana e il simbolo per eccellenza dell’iconografia folcloristica isolana. Nonostante le botteghe specializzate siano ormai rare e il carretto sia quasi scomparso, resta intatto il fascino che suggestionò l’opera di Renato Guttuso e che ancor oggi influenza tanti stilisti che ne ripropongono le pitture nelle collezioni di abiti e accessori.

Il carretto siciliano - 3

Potrebbe piacerti anche

I Misteri di Trapani  
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

I Misteri di Trapani  

Quattrocento anni di fede e tradizione

Trapani e i suoi Misteri. Che fanno del Venerdì Santo e per la città una giornata lunga, anzi lunghissima, tanto d...

  • Giovanni Cammareri
  • 25 luglio 2014
Il Marsala. Un gusto molto “British”  
  • Marsala
  • Storia e Tradizioni

Il Marsala. Un gusto molto “British”  

Il Marsala è stato inventato dagli inglesi. Frutto di una serie di coincidenze fortuite e grazie ad una brillante i...

  • Angela Volo
  • 2 agosto 2022
Il vicolo dei proverbi a Calatafimi
  • Calatafimi Segesta
  • Storia e Tradizioni

Il vicolo dei proverbi a Calatafimi

Calatafimi, situata nel cuore della provincia di Trapani, in prossimità delle colonne segestane, esibisce un vero e...

  • Alessandra Caputo
  • 26 maggio 2021
Erice e la sua leggenda
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Erice e la sua leggenda

“Berretta Rossa”

A Erice la leggenda di “Berretta Rossa” riecheggia ancora, a distanza di secoli, tra gli anziani abitanti del bo...

  • Flavia Fodale
  • 24 maggio 2021
Marettimo: la festa di San Giuseppe
  • Marettimo
  • Storia e Tradizioni

Marettimo: la festa di San Giuseppe

U Patriarca

La celebrazione della festa di San Giuseppe, in Italia, è una tradizione secolare che affonda le sue radici fin dal...

  • Flavia Fodale
  • 24 maggio 2021
L'abbanniata. Voci e suoni dai mercati
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

L'abbanniata. Voci e suoni dai mercati

“Lu putiaru socc'havi abbannia”

Gli antichi mercati siciliani erano gremiti e rumorosi. Sopra il brusio e il tramestio della folla si levavano le ab...

  • Stefania Martinez
  • 22 febbraio 2023