Il Marsala. Un gusto molto British

Il Marsala è stato inventato dagli inglesi. Frutto di una serie di coincidenze fortuite e grazie ad una brillante intuizione commerciale. Sintesi brutale per raccontare un vino entrato nella storia e nella leggenda. Il primo esportatore e produttore di Marsala fu John Woodhouse. Mercante di soda originario di Liverpool, nel 1773, navigando verso Mazara del Vallo fu costretto da una tempesta a cercare riparo nel porto di Marsala.


Qui la storia diviene quasi leggenda:

si narra che abbia assaggiato in una osteria il perpetuum, invecchiato per oltre 40 anni e “curato” con il metodo del rabbocco del vino rimasto con quello di nuova vendemmia che ne acquisiva le caratteristiche. Woodhouse ne rimase affascinato o, più probabilmente, ne intuì le potenzialità per il corpo, la densità e gli aromi simili al Porto ed al Madera già noti agli inglesi ed in uso sulle navi militari di Sua Maestà. Per trasportare il perpetuum senza che questo subisse alterazioni aggiunse alle botti da caricare sulla nave po' di acquavite di vino (circa il 2%). Nacque così il vino Marsala.

Il Marsala. Un gusto molto British - 1

L’ammiraglio Nelson, che proprio da Woodhouse ne acquistò diverse pipe per la sua flotta, definì il Marsala “degno della mensa di qualsiasi gentiluomo” e “vera manna per i nostri marinai” e mai lo fece mancare a bordo delle sue navi preferendolo ai vini portoghesi e spagnoli.
Woodhouse cominciò a investire a Marsala, Mazara, Castelvetrano acquistando il vino dai contadini, costruendo stabilimenti e impiegando ingenti capitali per la costruzione del porto. Il successo ottenuto attirò in terra di Sicilia altri imprenditori inglesi: Corlett, Wood, Payne, Hoppes. Furono ancora due inglesi Benjamin Ingham, a partire dal 1812, ed il nipote Joseph Whitaker, più tardi, ad ammodernare le tecniche di produzione (acquisite dai produttori portoghesi) e a far giungere le esportazioni fino in Brasile, America del nord, Estremo Oriente e Australia conferendo al Marsala una fama planetaria.

Si deve a Ingham il primo decalogo produttivo del Marsala, una sorta di primitivo disciplinare.
Il primo imprenditore italiano a cogliere l’opportunità di entrare nel redditizio commercio del Marsala, nel 1832/33, fu Vincenzo Florio che, già attivo nel settore dell’armatoria e delle compagnie navali, costruì un modernissimo stabilimento vinicolo che copriva l’intero ciclo di produzione. Successivamente rilevò gli stabilimenti che furono dei Woodhouse e degli Ingham.

Potrebbe piacerti anche

Marsala: le cantine e il suo vino
  • Marsala
  • Cibo e Sapori

Marsala: le cantine e il suo vino

Una radicata tradizione enogastronomica ha reso famosi Marsala le sue Cantine e il suo vino in tutto il mondo. I vig...

  • Jana Cardinale
  • 4 giugno 2021
La pasticceria di Marsala. Una dolce tradizione
  • Marsala
  • Cibo e Sapori

La pasticceria di Marsala. Una dolce tradizione

Cappidduzzi, Tetù, e Muscardini

C’è una Marsala dolcissima, che si trova fra i banconi di bar e pasticcerie, che ricorda le domeniche a tavola in...

  • Audrey Vitale
  • 25 maggio 2021
Il pesce sulle tavole dei trapanesi
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

Il pesce sulle tavole dei trapanesi

"CHI BELLI OPE CHI HAJU!"

Tutte le mattine a partire dall’alba, la varietà offerta al mercato del pesce è notevole, perché in questi mari...

  • Laura Di Trapani
  • 2 settembre 2012
Trapani e il cibo di strada
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

Trapani e il cibo di strada

La tradizione culinaria trapanese si può gustare comodamente seduti al ristorante, ma per assaggiare la cucina vera...

  • Manuela Laiacona
  • 4 luglio 2011
L’aglio rosso di Nubia. Una nota musicale nel piatto
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

L’aglio rosso di Nubia. Una nota musicale nel piatto

La contrada di Nubia, sospesa fra le vigne e gli ulivi, incastonata fra le saline di Trapani e la montagna di Erice,...

  • Alba Allotta
  • 7 giugno 2021
Aperitivo a San Vito. Il rito al tramonto
  • San Vito Lo Capo
  • Cibo e Sapori

Aperitivo a San Vito. Il rito al tramonto

Il rito dell’aperitivo a San Vito Lo Capo fa da padrone e quello che fino a un po’ di tempo fa era un orario di...

  • Paola Corso
  • 31 maggio 2021