La Mattanza di Favignana

Quando il mare si tingeva di rosso

La mattanza è l’antico sistema di pesca del tonno rosso praticato nelle tonnare di tutto il Mediterraneo.
La mattanza ha origini antichissime, ne parlano già gli storici dell’età classica. È una tecnica di pesca da posta, lungo le rotte di migrazione dei tonni in “viaggio d’amore” che entrano nello stretto di Gibilterra per deporre le uova lungo le coste del Mediterraneo.

Le imbarcazioni di colore nero per attirare meglio i tonni, rappresentano l’elemento fondamentale per questo tipo di pesca: vasceddu, muciara, bastarde e rimorchi.

La Mattanza di Favignana - 1

Il rais è la figura più importante, il capo assoluto, il cui ruolo si tramanda per generazioni. Le tonnare sono composte da 5 camere divise da reti chiamate porte: camera grande, camera levante, bastarda, ponente e camera della morte. L’ultima mattanza a Favignana s’è tenuta nel 2007.

La Mattanza di Favignana - 2
Ph: Piero Lazzari

"Una Salve Regina a Maronna ri Trapani"

Il rais calza il berretto, saluta i tonnaroti e si parte. Ogni barca sa quale è il suo posto e ciascuno sa quale è il proprio ruolo. I movimenti lenti e precisi di chi da secoli li compie perché tramandati, di generazione in generazione, come in un vero e proprio rito.
Le Egadi a fine Maggio sono il luogo ideale per la procreazione e i tonni portati dalle correnti locali, fino a quando questa tecnica di pesca si praticava, fino a pochi anni fa, si dirigevano verso la tonnara. I pesci vedono le reti come una parete invalicabile ma spinti dall’esigenza di procreare nuotano in branco e di camera in camera finiscono in trappola.

La Mattanza di Favignana - 3

Era il rais che dava l’ordine di aprire e chiudere le porte lasciando sempre un varco d’ingresso ad altri branchi. E c’era un uomo, sempre in piedi su una delle barche, che con una sagola in mano avvertiva i fremiti dei tonni quando entravano e lo comunicava al rais. Il mare doveva essere calmo perché le barche di tonnara, disposte in quadrato, non sopportavano l’ondeggiamento: le medie ai lati maggiori mentre una più grande chiudeva il lato di ponente, mentre gli uomini fissavano i bordi delle reti con carrucole.

La Mattanza di Favignana - 4

Al grido del rais “Assumma”, decine di tonnaroti in piedi sul bordo delle imbarcazioni, cominciavano a issare la porta della camera con rapidità e il rais sulla sua “sciabbica” si portava al centro del quadrato. Le reti si issavano con sincronia mentre le grida e le urla di incitamento si facevano sempre più incessanti, momenti drammatici il cui il rais sembrava un “sacerdote” che ad un certo punto intonava “Aja Mola”,antichissimo canto il cui ritmo accompagnava il movimento dei pescatori mentre issavano le reti.

La Mattanza di Favignana - 5
Ph: Peppe Di Salvo

Tra un canto e l’altro si sentiva gridare “Assumma Assumma” e i pesci apparivano numerosi e impazziti cercando di liberarsi ma ormai senza più scampo. I tonni si dibattevano dando vigorosi colpi di coda ma la ciurma dei tonnaroti impietosamente li arpionava all’altezza della testa e poi più in basso con gli uncini fino a quando il pesce non veniva issato fino al bordo delle barche. A questo punto i tonnaroti afferravano le pinne dorsali e con uno strattone traevano la preda nella “muciara”.
L’ultimo ordine, quello del rais, giungeva dopo che i pesci erano stanchi e senza ossigeno; a quel punto il sangue cominciava a scorrere in mare
I tonnaroti, il mare, le reti, il rais, le grida strozzate dalla stanchezza: uno spettacolo di vita e morte fino all’ultimo tonno.
Quando, il mare si tingeva di rosso era mattanza.

La Mattanza di Favignana - 6
Ph: Peppe Di Salvo

Potrebbe piacerti anche

I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale
  • Favignana
  • Storia e Tradizioni

I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale

Fu a fine ‘700 che i fratelli Ignazio e Paolo Florio si trasferirono da Bagnara Calabra in Sicilia per iniziare le...

  • Francesca Adragna
  • 18 maggio 2021
Tonno rosso: il re delle Egadi
  • Favignana
  • Storia e Tradizioni

Tonno rosso: il re delle Egadi

Secoli di arte culinaria nei prodotti di tonnara

Il piccolo arcipelago delle Egadi seduce all’istante per la bellezza delle coste e la trasparenza del mare. Fra qu...

  • Piero Rotolo
  • 25 luglio 2014
Marettimo: la festa di San Giuseppe
  • Marettimo
  • Storia e Tradizioni

Marettimo: la festa di San Giuseppe

U Patriarca

La celebrazione della festa di San Giuseppe, in Italia, è una tradizione secolare che affonda le sue radici fin dal...

  • Flavia Fodale
  • 24 maggio 2021
I giardini ipogei di Favignana
  • Favignana
  • Territorio e Architettura

I giardini ipogei di Favignana

I giardini ipogei di Favignana sono ferite nella terra, provocate dall’uomo e dall’uomo curate. Per secoli cave...

  • Angela Volo
  • 27 luglio 2013
Il castello di Favignana: tra cielo e mare
  • Favignana
  • Territorio e Architettura

Il castello di Favignana: tra cielo e mare

Il Forte di Santa Caterina

Sembra sfiorare il cielo con tutta la sua imponenza. È il Castello che si leva sul Monte Santa Caterina, a Favignan...

  • Stefania Martinez
  • 20 maggio 2021
Le cave di Favignana: passeggiando per cave e cunicoli
  • Favignana
  • Territorio e Architettura

Le cave di Favignana: passeggiando per cave e cunicoli

Per secoli dalle Cave di Favignana è stata estratta la calcarenite, pietra porosa apprezzata in edilizia per la gra...

  • Paola Corso
  • 14 maggio 2021