Le serate a San Vito Lo Capo, iI rito del Passìo  

Lagnùsia a misura d’uomo

Le serate di San Vito Lo Capo, dopo giornate di sole cocente, luce abbacinante e mare sfiancante, vi abbracciano in un andamento lento. Uno stile da villeggiatura, come usava dire negli anni ’60 e ’70, contrapposta alla vacanza iper dinamica che invece appartiene ai più giovani ed al mondo delle discoteche degli anni ’90 e 2000.
Pur animate da decine e interessanti iniziative del Comune e di tanti locali, le serate sanvitesi propongono una dimensione che richiama molto il languido abbandono alla “lagnusia”, termine dialettale spesso tradotto con pigrizia ma che, in questo contesto, deve intendersi come indolenza.
Tavoli di bar e gelaterie, insieme alle animate strade dell’antico borgo marinaro sono il palcoscenico deputato al rito dell’aperitivo, prima di cena, alla luce del tramonto ed alla prima brezza della sera, ed a quello del gelato e del caffè dopo cena.

Le serate a San Vito Lo Capo, iI rito del Passìo   - 1

Vi invitiamo a porvi come l’osservatore esterno di un acquario. Inizia, dopo una certa ora, un gioco di ruoli, tra spettatori, ai tavoli dei locali, e quanti invece scelgono il “passio” (termine di chiara origine spagnola), le lunghe passeggiate da un capo all’altro del corso principale.
È un incrocio di commenti, di battute, di apprezzamenti: “No, non vengo. Che dici vengo? Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente? Vengo”.
A San Vito Lo Capo, come di ogni località turistica, si risolve spesso in questo eterno dilemma, magistralmente canzonato da Nanni Moretti, il gioco della presenza e dell’assenza.
Pur essendo divenuta una importantissima località turistica internazionale, San Vito lo Capo conserva ancora una dimensione che è un valore aggiunto insostituibile per una vacanza a misura d’uomo.

Potrebbe piacerti anche

Il tonno della storia  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

Il tonno della storia  

Si pescava già nel Neolitico

Il tonno nella storia ha un radicamento profondo. La pesca del tonno e il consumo della sua carne hanno origini anti...

  • Ninni Ravazza
  • 9 maggio 2022
San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  

Echi dal Medioevo

San Vito martire, giovane cristiano, nativo di Mazara del Vallo (III secolo d.C), che rifiutando di abiurare la sua ...

  • Stefania Martinez
  • 28 luglio 2022
Erice e la sua leggenda
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Erice e la sua leggenda

“Berretta Rossa”

A Erice la leggenda di “Berretta Rossa” riecheggia ancora, a distanza di secoli, tra gli anziani abitanti del bo...

  • Flavia Fodale
  • 24 maggio 2021
La Madonna di Custonaci. Tra fede e tradizione
  • Custonaci
  • Storia e Tradizioni

La Madonna di Custonaci. Tra fede e tradizione

Nel territorio della provincia di Trapani la devozione verso Maria Vergine è radicata nei secoli e nella storia. A ...

  • Fabio Pace
  • 10 agosto 2021
Il Santuario dell'Annunziata di Trapani e il culto mariano
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

Il Santuario dell'Annunziata di Trapani e il culto mariano

«U viaggiu a Maronna», è il pellegrinaggio che vede decine di fedeli muovere dalle loro abitazioni, talvolta a pi...

  • Fabio Pace
  • 10 agosto 2021
Il vicolo dei proverbi a Calatafimi
  • Calatafimi Segesta
  • Storia e Tradizioni

Il vicolo dei proverbi a Calatafimi

Calatafimi, situata nel cuore della provincia di Trapani, in prossimità delle colonne segestane, esibisce un vero e...

  • Alessandra Caputo
  • 26 maggio 2021