MARETTIMO, l’isola che c’è…

Esiste un’isola, quasi nascosta, dove il mare versa i propri frutti almeno quanto la terra. Il turismo la sfiora senza rovinarla. Il giorno e la notte sono scanditi dal brusìo delle onde.
Bastano una quarantina di minuti di aliscafo da Trapani per raggiungere Marettimo, Hiera per chi volesse chiamarla così come è stata battezzata, Marìtima invece è il nome latino, probabilmente legato all’abbondanza di timo selvatico che cresce sul suo mistico suolo.
È proprio abbondanza la parola che lega il suolo al mare, i pesci alla fauna. Abbondanza che deriva dal distacco precoce di Marettimo dalla terraferma diversi millenni prima delle altre sorelle Egadi, e che ne ha determinato varietà nelle piante endemiche in montagna, pescosità e ricchezza gastronomica.

MARETTIMO, l’isola che c’è… - 1

Chi si trova a Marettimo sa perché è lì. Non ci si reca per caso. L’enorme fascino è rispettato da un turismo non violento e dal tempo che scorre lento scandito dal ritmo dello strascico delle reti da pesca issate tutte le mattine al porto vecchio; dai passi che riecheggiano nelle sue antiche e strette vie; dal cicaleccio della vita domestica ancora svolta in gran parte fuori dall’uscio di casa; dal pigro aperitivo nei bar del porto, rito non mondano, celebrazione quasi pagana del sole che tramonta sulla vita semplice di isolani e turisti, resi tutt’uno, popolazione indistinta e compenetrata nella magia che regna sovrana nell’isola. Uno spettacolo vivace che merita di essere goduto. Inutile dire che qui è molto facile trovare dell’ottimo pescato del giorno.
Marettimo conserva tra i suoi fondali banchi di cernie, dentici, orate.
Oltre che per la pesca e l’allevamento, Marettimo s’è distinta nei secoli per la produzione di miele da Ape Mellifica Sicula, una varietà rara che è sopravvissuta solo in questo piccolo paradiso di mondo.

MARETTIMO, l’isola che c’è… - 2

Numerosi naturalisti ogni anno visitano l’isola per studiarla. Le antiche arnie venivano prodotte con una pianta ombrellifera presente sul territorio, la ferula detta “Fella” in dialetto. Chi ama camminare sarà felice di sapere che a Marettimo non si può circolare in moto o in macchina, la passeggiata è d’obbligo.

MARETTIMO, l’isola che c’è… - 3

Oltre allo splendido paesaggio, potrà trovare le Case romane e la Chiesa bizantina a quota 248 m s.l.m., e quindi il rudere chiamato “semaforo”, a 500 m s.l.m.. Il secondo percorso dalle Case romane porta al Monte Falcone, a 686 m s.l.m., il terzo porta verso Sud, dopo aver lasciato punta Bassana, piega verso Nord-Ovest e raggiunge il faro. Un’altra delle passeggiate più suggestive è certamente quella verso il Castello di Punta Troia, oggi sede di un museo e di un osservatorio dell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi.

MARETTIMO, l’isola che c’è… - 4
vista dal Semaforo - Ph: Vito Vaccaro

Potrebbe piacerti anche

La viticoltura “eroica” di Favignana della Cantina Firriaro
  • Favignana
  • Mare e Montagna

La viticoltura “eroica” di Favignana della Cantina Firriaro

Il vino che viene dal mare

La Sicilia, terra ricca di contraddizioni, è uno scenario ideale per la viticoltura “eroica” di Favignana, la p...

  • Audrey Vitale
  • 20 maggio 2021
Tartarughe marine: SOS a Favignana
  • Favignana
  • Mare e Montagna

Tartarughe marine: SOS a Favignana

Caretta Caretta del Mediterraneo

A Favignana il primo Centro di Primo soccorso per Tartarughe Marine

  • Stefania Martinez
  • 20 maggio 2021
Marettimo e Levanzo: in giro per grotte
  • Marettimo
  • Mare e Montagna

Marettimo e Levanzo: in giro per grotte

Graffiti preistorici

L’isola di Marettimo, la più lontana e a picco sul mare, è l’ideale per gli amanti del mare incontaminato. ...

  • Stefania Martinez
  • 2 agosto 2022
Trekking a Marettimo. La montagna sul mare
  • Marettimo
  • Mare e Montagna

Trekking a Marettimo. La montagna sul mare

Marettimo, la più lontana delle Isole Egadi, è il paradiso del trekking. I sentieri corrono per chilometri sui rip...

  • Jana Cardinale
  • 4 giugno 2021
Favignana in bicicletta. Scoprire l'isola pedalando
  • Favignana
  • Mare e Montagna

Favignana in bicicletta. Scoprire l'isola pedalando

Per girare l’isola di Favignana il mezzo più idoneo, è la bicicletta: silenziosa ed ecologica, permette di scopr...

  • Jana Cardinale
  • 4 giugno 2021
Marettimo: natura selvaggia e ... aragoste
  • Marettimo
  • Mare e Montagna

Marettimo: natura selvaggia e ... aragoste

Quando si mangiava aragosta oppure… aragosta

La più lontana delle isole Egadi, Marettimo, è anche la meno abitata ed è rimasta, ancora oggi, la più integra e...

  • Fabio Pace
  • 21 luglio 2022