Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria

Paesaggi montani mediterranei

Tra le riserve orientate di Monte Cofano e dello Zingaro, oltre che bagni di sole, sale e sassi, capita di immergersi nella storia: dal paleolitico a quella più recente. Gli innumerevoli antri che si dipanano sulle nostre rocche, ci hanno svelato insediamenti antichissimi grazie al ritrovamento di utensili in pietra oggi conservati nei musei.

Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria - 1

Un’immersione nella natura del litorale trapanese trascina, dunque, irrimediabilmente il visitatore, non solo tra gli abissi delle acque cristalline, ma anche tra i remoti abissi della storia. Punteggiata com’è, la nostra storia, di genti provenienti da ogni direzione che, nel tempo, hanno lasciato traccia del loro passaggio nei reperti e nelle architetture, come nei volti degli abitanti delle nostre coste: occhi di un vivo turchino e ciuffi dorati come il grano su pelli nere come la pece o pelli candide e ricci corvini. Pizzo Monaco Gli arrampicatori, che recentemente s’inerpicano sui pendii di Pizzo Monaco, troveranno anche un granaio collettivo fortificato risalente al periodo islamico (X- XI secolo). Le Università di Granada, quella di Sheffield e quella di Palermo hanno unito le forze per portare alla luce 12 ambienti ed una porta d’accesso di questa struttura ed attraverso i loro studi l’hanno collegata ad un villaggio medioevale che si trovava ai piedi della montagna.

Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria - 2

Il progetto archeologico MeMoLa (Mediterranean Mountainous Landscapes), per iniziativa del professor José Marìa Martìn Civantos, del dipartimento di storia medioevale dell’Università di Granada, dal 2012 offre agli appassionati e ai cultori dell’archeologia l’opportunità di partecipare agli scavi.

Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria - 3

Monte Cofano

Un altro incantevole sito che ci trascina nel passato è quello su Monte Cofano. Si tratta di una teoria di grotte risalenti al Paleolitico superiore che, verosimilmente, non fu mai abbandonata nel corso dei secoli e che conserva tracce dell’evoluzione umana fino al secolo scorso. Qui, infatti, nelle stesse grotte in cui sono stati trovati reperti preistorici, c’è un minuscolo borgo contadino che fu certamente abitato fino alla prima metà del ‘900. Gli ultimi abitanti appartenevano tutti alla famiglia Mangiapane da cui la grotta prende il nome.

Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria - 4
Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria - 5

Suggestivo che la graduale evoluzione delle grotte in dimore più confortevoli, non ha minimamente intaccato la naturale bellezza del luogo, conservando nell’uso dei materiali edilizi, l’equilibrio tra geometrie, colori e natura. Il presepe vivente nelle grotte Le Grotte Mangiapane si trasformano, nel periodo natalizio, nella scenografia di un accuratissimo Presepe Vivente.

Monte Cofano e Pizzo Monaco: storia e preistoria - 6

Un percorso attentamente studiato, conduce il visitatore lungo vialetti e trazzere in cui 300 figuranti inscenano gli antichi mestieri: nelle stanzette donne dedite al ricamo, davanti ai vasconi di pietra fanciulle che lavano i panni, l’arrotino, i pescatori che sarciscono le reti, il “camiature” che si dedica al forno in pietra, contadini che trainano muli intorno alla vecchia mola, animali da cortile sull’aia… e quando si giunge in fondo al percorso, nell’ultima grotta, il tepore della scena della natività tra balle di fieno e luci soffuse.

Potrebbe piacerti anche

Custonaci e le montagne graffiate
  • Custonaci
  • Territorio e Architettura

Custonaci e le montagne graffiate

Natura e lavoro dell'uomo nel paesaggio

Le risorse del territorio trapanese sono davvero tante: coste e montagna, vigneti a perdita d’occhio, uliveti e ag...

  • Francesca Adragna
  • 18 maggio 2021
Castellammare, confine sul golfo
  • Castellammare del Golfo
  • Territorio e Architettura

Castellammare, confine sul golfo

Un paese-albergo tra due Sicilie

Percorrendo la statale 187 che da Trapani porta all’intersezione con la SS 113, la cosiddetta settentrionale sicul...

  • Stefania Martinez
  • 18 maggio 2021
Valderice, territorio agro turistico
  • Valderice
  • Territorio e Architettura

Valderice, territorio agro turistico

Le radici secolari della villeggiatura

Valderice, territorio agro turistico, si potrebbe sintetizzare così la vocazione economica del comune collinare. Ap...

  • 8 agosto 2022
Le saline nella provincia di Trapani, tra vasche e mulini
  • Trapani
  • Territorio e Architettura

Le saline nella provincia di Trapani, tra vasche e mulini

Le saline sono elemento costituente e inconfondibile del paesaggio che da Trapani, lungo la strada SP 21, giunge a M...

  • Fabio Pace
  • 5 agosto 2021
Segesta: archeologia di un mistero
  • Calatafimi Segesta
  • Territorio e Architettura

Segesta: archeologia di un mistero

I dubbi della storia sedimentati sulle rovine

A Segesta la storia sfuma nella leggenda restituendo la memoria di qualcosa che forse è esistito, o forse no. Chi e...

  • Alessandra Caputo
  • 26 maggio 2021
La chiesa di San Domenico. La “sistina di Sicilia”.
  • Castelvetrano Selinunte
  • Territorio e Architettura

La chiesa di San Domenico. La “sistina di Sicilia”.

Castelvetrano, nasce come piccolo borgo in epoca medievale. Da prima baronia, affidata alla famiglia Tagliavia nel 1...

  • Stefania Martinez
  • 4 agosto 2021