Pino Cuttaia

Tecnica e cuore siciliano q.b.

Sensibilità, memoria e creatività sono alla base di una cucina fortemente legata al territorio di Licata.

Pino Cuttaia, del ristorante “La Madia”, è stato eletto primo chef della Sicilia e del Mezzogiorno da Class “La Guida delle Guide 2012”.
Lo chef ci racconta del suo successo lontano dai riflettori.
Pino Cuttaia, classe 1967, uno chef “stellare”, faro di punta della ristorazione siciliana nel mondo.

Pino Cuttaia - 1

Cosa significa fare alta ristorazione in Sicilia ed in particolare a Licata?
Partire da Licata è stato come partire da zero, non solo nel senso di aver dovuto educare i palati ad una ristorazione diversa, ma anche formare il personale per offrire un servizio superiore. Di contro, i prodotti della nostra terra hanno senz’altro molto da dire, poterli utilizzare tutti i giorni è un vantaggio non da poco.

Quanto è stato difficile fare alta ristorazione in un piccolo centro di provincia, lontano dai riflettori delle grandi città?
È stato difficile perché la gente è abituata a pensare al ristorante come un luogo dove puoi mangiare delle cose “stravaganti”, che non mangi abitualmente a casa. Il cuoco deve essere complice di questa “stravaganza” utilizzando però materie prime familiari ed abituando i clienti a concepire la trasgressione in modo diverso, come esperienza.

Pino Cuttaia - 2

Lei ha vissuto per molti anni fuori dalla Sicilia. È vero che guardare da lontano la Sicilia aiuta a comprenderla meglio?
Ho avuto la fortuna di vivere fuori dalla Sicilia per formarmi, ed ho avuto allo stesso modo la fortuna di tornare in Sicilia per poter utilizzare nella mia cucina la tecnica che avevo appreso in Piemonte. Ho deciso di sfruttare queste due fortune per raccontare le memorie dei miei sapori d’infanzia.

Lei è ritornato a Licata nel 1999. Cosa ha influito nella sua decisione?
Mia moglie è stata artefice di questo ritorno e a me non è dispiaciuto affatto. Qui ho la possibilità di seguire la mia cucina giornalmente lavorando i prodotti del territorio.

Pino Cuttaia - 3

Quali sono gli ingredienti territoriali a cui è più legato?
L’ingrediente principale della mia cucina è la memoria, poi arriva il gioco tra i sapori e la parte creativa nell’abbinamento. Io racconto la mia terra filtrata attraverso i ricordi della mia infanzia. Mi affascinano molto i “prodotti poveri” o considerati tali perché non sono dispendiosi ma sono custodi della nostra gastronomia regionale. Penso allo sgombro, alla razza a molte verdure quasi dimenticate.

Ci sono delle preparazioni più legate a Licata?
Utilizzo molto il carciofo spinello che si coltiva da queste parti. Mi piace inserirlo in molte mie ricette quando è di stagione. Tra i pesci da queste parti è molto diffusa la spatola, anch’essa spesso presente in menu.
La mia generazione è stata la prima a comprendere che lo chef è un interprete del territorio. Il cuoco è un tutt’uno col prodotto e col suo territorio, non rispettare questo sarebbe incoerente. Il mio lavoro è l’intimo che si racconta.

Pino Cuttaia - 4

Più lo chef è sensibile più il racconto è vero. Quanto è importante la sperimentazione nella sua cucina?
Io credo che si vada al ristorante per divertirsi, la sperimentazione serve a quello, a proporre diversamente ciò che si crede di conoscere bene e magari scoprirne un gusto, un abbinamento, un’emozione nuova.

Pino Cuttaia - 5

Potrebbe piacerti anche

William Trubridge, campione del profondo blu  
  • Personaggi ed interviste

William Trubridge, campione del profondo blu  

William Trubridge, classe 1980, inglese di nascita e neozelandese di adozione, è uno dei più grandi apneisti che q...

  • Angela Volo
  • 8 agosto 2011
Anissa Helou. Intervista alla chef libanese che ha scelto Trapani
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Anissa Helou. Intervista alla chef libanese che ha scelto Trapani

Questione di chimica e di tempo

Un giro per la Sicilia vent’anni fa. Il ritorno dieci anni dopo e la sorpresa di una città diversa e più carina ha spinto Anissa Helou a prendere la decisione di vivere a Trapani e trovarvi un po’ della sua Beirut. «Ho pensato che sarebbe stato divertente avere una vita siciliana. Il cibo è molto vicino alla terra, si seguono le stagioni e le persone sono molto attente a quello che mangiano»

  • Silvia Marisa Carbajal
  • 15 settembre 2022
Marco De Bartoli
  • Marsala
  • Personaggi ed interviste

Marco De Bartoli

Interprete autentico del vino Marsala

Caso strano quello di Marco De Bartoli. Quando si parla di lui e dei suoi vini, la critica incontra il pubblico e i ...

  • Laura Di Trapani
  • 3 settembre 2012
Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti
  • Pantelleria
  • Personaggi ed interviste

Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti

Dal profondo blu di Pantelleria

Il mare di Pantelleria ha colori diversi. Forse è solo la sensazione che coglie chi guarda tra le onde. Forse è ...

  • Fabio Pace
  • 27 luglio 2013
Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo

Nelle vene spirituali di Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale e assessore ai Beni culturali della Regi...

  • Fabio Pace
  • 20 agosto 2019
Tonnara Florio: da industria conserviera a polo culturale
  • Favignana
  • Personaggi ed interviste

Tonnara Florio: da industria conserviera a polo culturale

A Favignana trentamila metri quadrati di sapere

Fu il primo stabilimento, costruito nella seconda metà del XIX secolo, nel quale è stato sviluppato industrialment...

  • Fabio Pace
  • 4 luglio 2011