Quando l’artigianato diventa arte

Bummuli e Tappita

La ceramica ericina

La tradizione della ceramica, nelle forme e nei colori che si possono ammirare e comprare nei negozi di Erice è datata fine anni ‘50.

Sbaglia,però, chi immagina si tratti di una invenzione per turisti. Al contrario Erice fu davvero, nei secoli scorsi, uno dei poli più rinomati della ceramica siciliana insieme a Sciacca, Burgio, Santo Stefano di Camastra, Caltagirone. Della tradizione ceramista ericina si trova traccia nei documenti notarili del XV secolo, ma la produzione, per ragioni storicamente ignote, fu interrotta dagli artigiani proprio tra la fine del XV e la metà del XVI secolo. Testimonianze della fiorente attività ericina e della ricchezza delle decorazioni e delicatezza delle lavorazioni sono conservate nelle sale del museo della Ceramica di Caltagirone e nelle sale del museo Regionale Pepoli di Trapani. Quest’ultimo conserva anche pavimenti realizzati da maestri ceramisti ericini raffiguranti la tonnara.

Quando l’artigianato diventa arte - 1
Ph: Comune di Erice

Dopo alcuni secoli di oblio le tecniche ceramiche ritornano ad Erice per iniziativa di alcuni artigiani che, però, hanno attivato una vera e propria iniziativa di recupero degli stili e delle tecniche originarie. Lo si potrebbe definire un recupero filologico, profondamente attento, in primo luogo all’uso dei colori: i blu ed i gialli dall’ocra ai più luminosi. Comunque sempre colori pastello, tenui e mai sgargianti, sono quelli che contraddistinguono la “ceramica ericina”.

Per le forme si va da quelle del passato, i classici arbarelli da farmacia alle bocce (bummuli); dalle brocche per acqua e vino ai vasi ed i centrotavola; fino alle fogge più moderne ed agli oggetti di uso quotidiano. Si può trovare un regalo da pochi euro di alcun valore oppure pezzi finemente decorati da centinaia di euro adatti ad ogni tipo di arredamento. Su tutti dominano i piatti, da esposizione, possono essere attaccati a parete o usati come soprammobili.

Muovendosi per le vie di Erice, tra le case addossate le une alle altre, dentro ai graziosi cortiletti, memoria urbanistica della corte chiusa di tipo fenicio, si intravedono le mattonelle di ceramica ericina ad uso decorativo oggi molto richieste anche per l’arredo di interni.

I tappeti ericini

Erice è nota non solo per le ceramiche ma anche per i diversi laboratori artigianali che mantengono in vita l’antica arte della tessitura dei “tappita,”cioè tappeti con figure geometriche ottenute con strisce di stoffa colorata.Il tappeto ericino della tradizione viene prodotto con pochi ed elementari strumenti: telai di legno sorretti da quattro robuste assi cilindriche, qualche matassa di cotone e ritagli di stoffe divari colori, il più delle volte provenienti da scampoli e scarti. Insomma non si buttava via nulla e i ritagli si intrecciavano fino a creare geometrie, forme e colori il cui unico limite è la fantasia dell’artigiano.

I motivi più diffusi sono quello dei rombi accostati, della linea spezzata, e del melange di strisce verticali di colori diversissimi tra di loro ma capaci di ricreare una armonia cromatica particolarissima.

Potrebbe piacerti anche

Ad Erice gli altarini alla Madonna di Custonaci
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Ad Erice gli altarini alla Madonna di Custonaci

Intreccio tra fede e tradizione

Fede e tradizione muovono gli ericini a celebrare ogni anno, l'ultima settimana del mese di agosto, i festeggiamenti...

  • Fabio Pace
  • 5 agosto 2022
Erice e la sua leggenda
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Erice e la sua leggenda

“Berretta Rossa”

A Erice la leggenda di “Berretta Rossa” riecheggia ancora, a distanza di secoli, tra gli anziani abitanti del bo...

  • Flavia Fodale
  • 24 maggio 2021
Sapori, cultura e tradizioni di Trapani
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

Sapori, cultura e tradizioni di Trapani

U Ciàuru di una terra baciata dal mare

Non è forse il profumo, u ciàuru, la prima cosa che ci colpisce appena arrivati in un posto nuovo? U ciàuru...

  • Laura Di Trapani
  • 29 luglio 2011
San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  

Echi dal Medioevo

San Vito martire, giovane cristiano, nativo di Mazara del Vallo (III secolo d.C), che rifiutando di abiurare la sua ...

  • Stefania Martinez
  • 28 luglio 2022
Il tonno della storia  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

Il tonno della storia  

Si pescava già nel Neolitico

Il tonno nella storia ha un radicamento profondo. La pesca del tonno e il consumo della sua carne hanno origini anti...

  • Ninni Ravazza
  • 9 maggio 2022
La Madonna di Custonaci. Tra fede e tradizione
  • Custonaci
  • Storia e Tradizioni

La Madonna di Custonaci. Tra fede e tradizione

Nel territorio della provincia di Trapani la devozione verso Maria Vergine è radicata nei secoli e nella storia. A ...

  • Fabio Pace
  • 10 agosto 2021