San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  

Echi dal Medioevo

San Vito martire, giovane cristiano, nativo di Mazara del Vallo (III secolo d.C), che rifiutando di abiurare la sua fede sarebbe stato arrestato e torturato. Il 15 Giugno il paese di San Vito Lo Capo celebra il suo santo patrono.
Una delle innumerevoli leggende vede protagonista San Vito in Sicilia a Regalbuto, dove avrebbe incontrato dei pastori disperati perché alcuni cani avevano sbranato un bambino; il Santo richiamate le bestiole si sarebbe fatto restituire i resti del corpo del bimbo a cui avrebbe ridonato la vita.
Per molti secoli, in tutto il meridione d’Italia, soprattutto in epoca medievale, San Vito ha esaltato la fede popolare tanto da essere invocato per guarire patologie come l’encefalite (nota come ballo di San Vito), l’idrofobia e malattie agli occhi.

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono   - 1

A San Vito Lo Capo una grande devozione lega la marineria al loro Santo Patrono ed il 15 di giugno tutte le imbarcazioni si fermano in porto perché i pescatori non vogliono mancare a questo appuntamento.
La festa ha inizio nel pomeriggio con il tradizionale gioco dell’Antenna a mare. Un palo lungo 10 metri, sospeso sull’acqua e ingrassato, alla cui estremità viene posta una bandiera che il vincitore, sfruttando le doti di equilibrio, dovrà afferrare.

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono   - 2

All’imbrunire, le imbarcazioni escono in mare per accogliere festosamente la barchetta che trasporta il giovane Vito, il suo maestro Modesto e la nutrice Crescenza (che secondo leggenda avrebbero preso dimora proprio a San Vito Lo Capo per sfuggire alla persecuzione). Mentre la barchetta approda a terra e il piccolo Santo sbarca accolto dal popolo, le imbarcazioni dei pescatori lo salutano con il suono delle loro sirene e il lancio di razzi.

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono   - 3

La statua di San Vito rivestita delle insegne - la corona (il premio di Dio), la palma (la vittoria del martirio), la croce (la forza della fede) e il mantello degli ex voto d’oro dei fedeli (la loro devozione) - è portata a spalla per le vie del paese fino al Santuario. La festa segna l’inizio della stagione estiva.

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono   - 4

Potrebbe piacerti anche

Il tonno della storia  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

Il tonno della storia  

Si pescava già nel Neolitico

Il tonno nella storia ha un radicamento profondo. La pesca del tonno e il consumo della sua carne hanno origini anti...

  • Ninni Ravazza
  • 9 maggio 2022
Le serate a San Vito Lo Capo, iI rito del Passìo  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

Le serate a San Vito Lo Capo, iI rito del Passìo  

Lagnùsia a misura d’uomo

Le serate di San Vito Lo Capo, dopo giornate di sole cocente, luce abbacinante e mare sfiancante, vi abbracciano in ...

  • Fabio Pace
  • 5 agosto 2022
Sapori, cultura e tradizioni di Trapani
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

Sapori, cultura e tradizioni di Trapani

U Ciàuru di una terra baciata dal mare

Non è forse il profumo, u ciàuru, la prima cosa che ci colpisce appena arrivati in un posto nuovo? U ciàuru...

  • Laura Di Trapani
  • 29 luglio 2011
Quando l’artigianato diventa arte
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Quando l’artigianato diventa arte

Bummuli e Tappita

La tradizione della ceramica, nelle forme e nei colori che si possono ammirare e comprare nei negozi di Erice è dat...

  • Stefania Martinez
  • 4 agosto 2022
I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale
  • Favignana
  • Storia e Tradizioni

I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale

Fu a fine ‘700 che i fratelli Ignazio e Paolo Florio si trasferirono da Bagnara Calabra in Sicilia per iniziare le...

  • Francesca Adragna
  • 18 maggio 2021
Erice e la sua leggenda
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Erice e la sua leggenda

“Berretta Rossa”

A Erice la leggenda di “Berretta Rossa” riecheggia ancora, a distanza di secoli, tra gli anziani abitanti del bo...

  • Flavia Fodale
  • 24 maggio 2021