Valderice

Tra “cielo e mare" è il claim inventato alcuni anni fa per connotare il Comune di Valderice come località turistica.

Valderice - 1

In effetti, tra costa e collina, il territorio fin dalla fine dell’800 ha cominciato ad ospitare le abitazioni estive delle famiglie nobili e alto borghesi di Trapani ed Erice.

Molte di queste ville sono ancora ben visibili, alcune trasformate in strutture ricettive e, attraverso la pro loco, è possibile essere guidati in una sorta di itinerario tra di esse: Villa Adragna, Villa Elena, Villa Pilati (adesso struttura ricettiva), Villa Adragna ora Betania (centro riabilitativo per minori), Villa Coppola Ragosia (punto di riunione di cospiratori contro il regime borbonico), Villa Battiata, Villa Ancona, Villa Paparella, Villa Manzo, Villa Luppino a Ragosia.

Valderice - 2
Villa Pilati

Il paese ha diversi spazi verdi, tra cui la pineta della frazione di Ragosia e quella comunale, che si estende su una collina in cui si trovano diverse grotte e una chiesa rupestre abbandonata;

Valderice - 3
Pineta comunale

e ancora il Parco Urbano di Misericordia in cui si può ammirare il panorama del Golfo di Bonagia.
In estate l’anfiteatro all’aperto “Nino Croce”, mile posti a sedere ricavati all’interno di una cava abbandonata nella pineta di San Barnaba, si anima con rappresentazioni, concerti e rassegne cinematografiche, attività culturali e di spettacolo.

Valderice - 4

L'agro valdericino e i bagli

Valderice amministrativamente nasce dall’unione delle frazioni rurali che costituirono i primi nuclei abitativi di contadini dislocati nelle campagne dell'agro ericino: Paparella, San Marco, Ragosia, Misericordia, Sant'Andrea, Bonagia, Casalbianco, Crocci, Chiesanuova, Lenzi, Fico e Crocevie.

Valderice - 5

I bagli sono legati all’economia rurale: strutture nate con il duplice scopo “difensivo” e produttivo. Progressivamente le architetture produttive sono divenute prevalenti ma sempre comunque nell’ottica dello svolgersi delle attività lavorative e domestiche in maniera autosufficiente. Sono ancora visitabili: il Baglio Mafi; il Baglio Cuddìa (oggi Marini, inteso anche Baglio Sciare) situato in posizione elevata ed eretto con precipua funzione difensiva; il Baglio Fallucca (oggi Battiata) costruito nella metà del XVIII secolo dal barone Matteo Fallucca che conserva al suo interno una chiesetta dedicata alla Madonna di Custonaci (patrona di Valderice).

La Tonnara Bonagia

La frazione di Bonagia è il borgo costiero di Valderice, con un minuscolo porticciolo e soprattutto con l’antica Tonnara con la torre di avvistamento.

Valderice - 6
Valderice - 7

La tonnara è stata trasformata in una struttura ricettiva, ma è sempre consentito l’ingresso ai turisti e ai visitatori nella corte principale su cui si affaccia la cappella. Alle spalle della tonnara, a pochi metri dal mare, giacciono ancora, in stato di semi abbandono le antiche “muciare” le barche che venivano utilizzate dai tonnaroti per allestire la tonnara in mare e per operare la mattanza.

Valderice - 8

Il luogo e le architetture, il paesaggio e il mare si prestano a spettacolari shooting fotografici.

La costa si presta ad una piacevole balneazione: la spiaggia di Bonagia è costituita da piccole cale, una dietro l’altra, la spiaggia di Cortigliolo e la spiaggia di Rio Forgia in direzione del cosiddetto Lido Valderice si prestano soprattutto alla balneazione dei famiglie con bambini.

Il Molino Excelsior

Il Molino Excelsior è una eccezionale testimonianza di archeologia industriale. Risalente ai primi anni del 900 era collegato alla industria della produzione di pasta e farine uno dei settori più intraprendenti che a cavallo tra il 1890 e i primi anni del ‘900 rese solida la borghesia agraria del territorio valdericino, all’epoca ancora parte integrante dell’agro ericino e del comune di San Giuliano (così si chiamava Erice).

Valderice - 9

Oggi il Molino è stato recuperato. All’interno vi sono ancora i macchinari originali, ma i lavori di ammodernamento hanno consentito di ricavarvi all’interno una sala conferenze, uffici a servizio del complesso e, nel magazzino annesso, una cucina con impianto di ripresa video dove si tengono corsi di cucina siciliana. Appassionati di enogastronomia, turisti e visitatori possono così apprendere i segreti dell’arte culinaria locale.

Potrebbe piacerti anche

Valderice, territorio agro turistico
  • Valderice
  • Territorio e Architettura

Valderice, territorio agro turistico

Valderice, territorio agro turistico, si potrebbe sintetizzare così la vocazione economica del comune collinare. Ap...

  • 8 agosto 2022
San Vito Lo Capo: “amarcord” e modernità
  • San Vito Lo Capo
  • Mare e Montagna

San Vito Lo Capo: “amarcord” e modernità

Negli anni sessanta San Vito Lo Capo era, ancora, un borgo di pescatori. Un tratto di costa tra il promontorio di Mo...

  • Fabio Pace
  • 31 maggio 2021
Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo

Nelle vene spirituali di Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale e assessore ai Beni culturali della Regi...

  • Fabio Pace
  • 20 agosto 2019
Caponata di melanzane
  • Ricette

Caponata di melanzane

Ingredienti per 6 persone 4 melanzane nere 1 cuore di sedano con le foglie 100 g di olive verdi snocciolat...

  • 9 giugno 2021
Wedding Destination in Sicilia. La provincia di Trapani dice la sua
  • Wedding Sicily

Wedding Destination in Sicilia. La provincia di Trapani dice la sua

Wedding Destination. Una definizione che raccoglie due significati. Una legata al desiderio della coppia che mira a ...

  • Stefania Martinez
  • 30 luglio 2021
Macari. Reportage nella sua splendida costa
  • San Vito Lo Capo
  • Reportage

Macari. Reportage nella sua splendida costa

«C’è qualcosa nell’esteriorità di un cavallo che si attaglia all’interiorità di un uomo». L’aforisma di...

  • Audrey Vitale
  • 24 marzo 2021