William Trubridge, campione del profondo blu  

William Trubridge, classe 1980, inglese di nascita e neozelandese di adozione, è uno dei più grandi apneisti che questa disciplina ricordi. È attualmente il primo uomo nella storia ad avere raggiunto i 100 metri di profondità senza attrezzature e con un singolo respiro di 4 minuti e 10 secondi, oltre ad essere campione del mondo assoluto 2011 in ben sei specialità di apnea (WAFA). Vive alle Bahamas e tornerà a Marettimo a luglio di quest’anno per onorare il suo appuntamento estivo ormai fisso con la Sicilia.

William Trubridge, campione del profondo blu   - 1

William, il tuo sport richiede tecnica e concentrazione. Cosa senti quando sei laggiù nel profondo blu?
“La sensazione non è quella che la maggior parte della gente immagina. Il più delle immersioni non ho davvero una forte urgenza di respirare. Questa, forse, arriva verso la fine, sulla via del ritorno. La sensazione prevalente è, invece, di pace. I sensi che usiamo in superficie sono attutiti confusi: tengo gli occhi chiusi la maggior parte del tempo e c’è pochissima luce; non ci sono suoni; essendo immerso in un liquido non sento il peso del corpo o alcuna sensazione tattile; gusto e odore non hanno luogo... In assenza di stimoli esterni la mente rallenta e si chiude in sé stessa. È possibile vedere paesaggi di colore dal fondo degli occhi, o ‘udire’ i nostri pensieri più chiaramente. Alla fine, il ‘Riflesso d’Immersione’ spegne perfino la stessa mente, e il nostro subconscio prende il timone, guidandoci nell’immersione per come l’abbiamo praticata e visualizzata. Questo è lo ‘stato di flusso’ che i maratoneti impiegano più di un’ora a raggiungere, ed è il fine ultimo della meditazione. In apnea, il flusso può giungere in pochi secondi”.

William Trubridge, campione del profondo blu   - 2

Hai mai avuto paura?
“Raramente ho paura quando tento i miei record, dato che programmo il mio inconscio a fare tutto il necessario per l’immersione così da potere entrare in trance durante il tentativo – meno pensieri meno preoccupazioni! Inoltre siamo dotati di eccellenti sistemi di sicurezza e nessuno finora è morto in una competizione di apnea. Ci sono stati momenti in cui ho avuto paura facendo pesca subacquea intorno a degli squali, ma questa è un’altra storia!”

William Trubridge, campione del profondo blu   - 3

Questo sarà il quinto anno che torni in Sicilia per tenere uno stage di apnea. Cosa ti piace di quest’isola e di questo mare?
“È una bellissima terra e il mare che la circonda è particolarmente maestoso. Inoltre, uno dei miei migliori amici, Jimmy Montanti, ha una scuola di apnea a Marettimo e ogni anno collaboriamo per tenere un corso insieme alle isole Egadi”.

William Trubridge, campione del profondo blu   - 4

Con chi verrai in Sicilia?
“Con mia moglie, Brittany. Lei insegna la componente yoga dei nostri corsi, e viaggiamo insieme per l’Europa durante l’estate”.

Quale è il tuo piatto siciliano preferito?
“C’è uno speciale tipo di pane che compro quando sono a Trapani o alle Egadi. È fatto con semi di cimino ed è semplicemente squisito mangiato con il miele di Marettimo, al mattino, o con i pomodori locali e mozzarella di bufala, a pranzo. Mi piace anche tantissimo la tradizionale pasta al pesto trapanese con pomodoro, aglio e mandorle”.

Potrebbe piacerti anche

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Sebastiano Tusa. L’uomo del Mediterraneo

Nelle vene spirituali di Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale e assessore ai Beni culturali della Regi...

  • Fabio Pace
  • 20 agosto 2019
Il Museo Pepoli, uno scrigno di tesori
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Il Museo Pepoli, uno scrigno di tesori

Il direttore Luigi Biondo ci guida tra le sale e le opere d’arte

Il Museo Pepoli, nacque nel XIII secolo come convento carmelitano, dal 1906, per volontà del suo fondatore, Agostin...

  • Fabio Pace
  • 9 giugno 2015
Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti
  • Pantelleria
  • Personaggi ed interviste

Fabio Leonardi: consigli ai sub neofiti

Dal profondo blu di Pantelleria

Il mare di Pantelleria ha colori diversi. Forse è solo la sensazione che coglie chi guarda tra le onde. Forse è ...

  • Fabio Pace
  • 27 luglio 2013
Marco De Bartoli
  • Marsala
  • Personaggi ed interviste

Marco De Bartoli

Interprete autentico del vino Marsala

Caso strano quello di Marco De Bartoli. Quando si parla di lui e dei suoi vini, la critica incontra il pubblico e i ...

  • Laura Di Trapani
  • 3 settembre 2012
Pino Cuttaia
  • Personaggi ed interviste

Pino Cuttaia

Tecnica e cuore siciliano q.b.

Sensibilità, memoria e creatività sono alla base di una cucina fortemente legata al territorio di Licata. Pino ...

  • Laura Di Trapani
  • 3 agosto 2012
Anissa Helou. Intervista alla chef libanese che ha scelto Trapani
  • Trapani
  • Personaggi ed interviste

Anissa Helou. Intervista alla chef libanese che ha scelto Trapani

Questione di chimica e di tempo

Un giro per la Sicilia vent’anni fa. Il ritorno dieci anni dopo e la sorpresa di una città diversa e più carina ha spinto Anissa Helou a prendere la decisione di vivere a Trapani e trovarvi un po’ della sua Beirut. «Ho pensato che sarebbe stato divertente avere una vita siciliana. Il cibo è molto vicino alla terra, si seguono le stagioni e le persone sono molto attente a quello che mangiano»

  • Silvia Marisa Carbajal
  • 15 settembre 2022