I LUOGHI

BUSETO PALIZZOLO

Avete mai respirato l’odore arcano della terra, passeggiando tra valli e colline, ammirando la rigogliosità dell’ulivo e della vite?

Buseto Palizzolo, centro agricolo della provincia di Trapani, è uno dei pochi luoghi in cui si percepisce la “caparbietà” della natura e del tempo.

BUSETO PALIZZOLO - CAMPAGNA - PIACERE SICILIA

Questa striscia di terra, tra Erice e Segesta, conserva gelosamente lo spirito contadino, un modus vivendi fondato sulla sapienza e la dedizione degli uomini e delle donne.

Respirare l’odore della terra e percorrere le rigogliose contrade e i silenziosi sentieri di Buseto, è l’equivalente di un’esperienza intima e suggestiva. I Vigneti, i mandorleti e gli oliveti che tappezzano il paesaggio, infondono un senso di pace e armonia.

Buseto Palizzolo Panoramica

Il Comune di Buseto Palizzolo, si trova a circa 18 km da Trapani. Il toponimo, nasce dalla confluenza tra il termine arabo “Busith” che significa “terra” e da Palizzolo, nome della famiglia patrizia di Erice a cui storicamente fu assegnato il borgo agricolo.

Alcune fonti storiche attestano che già dal 554 d.C., durante la dominazione di Bisanzio, il territorio era abitato da contadini cristiani di rito orientale detti “Rùmi”. Le frequenti scorrerie saracene, comportarono l’abbandono del luogo.

Durante la dominazione musulmana il territorio di Buseto fu assegnato ad Erice e suddiviso in 14 casali, fra cui Casale Busith (Buseto).

La coltivazione, fino al secondo dopoguerra, di arance, limoni, sommacco, cotone, gelso e palme, testimonia il passaggio degli arabi da questo rigoglioso lembo di terra.

Con l’avvento dei Normanni, Erice potè esercitare pieno controllo sul territorio busetano.

Nel XIII secolo, dopo un graduale ripopolamento, i “casali” si trasformarono in feudi, all’interno dei quali sorsero le “parecchiate”, porzioni di terra adibita alla coltivazione del grano, della vite e dell’ulivo.

Con l’avvento della modernità e l’abolizione del sistema feudale, nel 1812, furono costituite le prime abitazioni al centro dei poderi, strategicamente localizzate vicino a sorgenti d’acqua o in prossimità di antiche mulattiere, percorsi che conducevano a pozzi, abbeveratoi e bagli. Solo a partire dalle metà del 900’ Buseto Palizzolo, acquista la sua definitiva autonomia e si fa riconoscere per il suo ambiente campestre, la sua bellezza agreste e il suo patrimonio ancestrale.

Cosa vedere a Buseto Palizzolo

Immersi nella docile vegetazione, tra fitti e odorosi prati, i vari “bagghi” disseminati sul territorio di Buseto Palizzolo, conquistano gli occhi dei viandanti. Si tratta di storiche fortezze, poi convertite in residenza per allevatori e contadini. Spiccano per maestosità e imponenza Baglio Murfi e Baglio Maranzano.

buseto BAGLIO MURFI

buseto baglio maranzano

Quest’ultimo ha ospitato per anni il “Museo della Civiltà Locale”, oggi trasferito per iniziativa del Comune presso il Centro Enoturistico, sede della Pro Loco.

buseo luoghi museo

Nel polo museale riecheggia la tradizione popolare siciliana. Oggetti e utensili, catalogati per attività lavorative, tramandano e ravvivano la storia locale. Gli “attrezzi del mestiere” acquistano un nuovo valore e diventano strumenti per conoscere un passato fatto di usi, costumi e professioni ormai estinte o “superate” come quella del maestro bottaio o del calzolaio.

Ad una curva della strada provinciale Buseto Palizzolo-Segesta, è immediatamente visibile la distesa del Bosco D’Arcudaci (detto Bosco Scorace).

buseto bosco scorace

Il nome deriva dal termine Arcu d’Aci, riferito prima ad un casale arabo e poi ad una baronia. L’ estesa macchia di verde raggiunge i 750 ettari, lungo i quali si trovano, pini, cipressi, lecci, querce, erbe aromatiche, frutti di bosco, fiorellini di campo, conigli, lepri, istrici e rare varietà di funghi.

Al centro del paesino, vicino alla Chiesa Madre, è ubicata la Villa Comunale di Buseto Palizzolo. Progettata nel 1974 dall’architetto Sebastiano Maltese, racchiude una rigogliosa varietà di piante, opere e sculture di solenne e raffinata bellezza che “arredano” armonicamente lo spazio circostante.

Dalla campagna alla tavola…

La cucina popolare e la gastronomia locale sono richiamo per chi vuole gustare cibi sani. Buseto Palizzolo, riserva ai visitatori vere e proprie delizie culinarie, dalle busiate fatte rigorosamente “a mano” alle cassatelle,

busiata buseto

impastate con farina e vino e ripiene di ricotta. La “salsiccia pasqualora”, specialità gastronomica dell’intera Sicilia, trova a Buseto una interpretazione autentica, come la si faceva una volta, presso le macellerie del paese.

Avete mai gustato l’intenso sapore dell’olio extra vergine d’oliva prodotto a Buseto? Un profumo inebriante invita all’assaggio, il gusto è deciso e inconfondibile.

OLIVE verdi

Oltre alla produzione agricola, ricavata con tecniche agronomiche tradizionali, negli ultimi tempi, alcune aziende hanno ripristinato l’antica coltivazione di pregiate varietà di grano come il “Simeto”, la “Tumminia”, il Perciasacchi, e il Senatore Cappelli.
Per iniziativa di giovani e coraggiosi imprenditori agricoli nel territorio di Buseto è ripresa la coltivazione della Cicerchia, un  legume povero e antico quasi scomparso.

Cicerchia buseto

Molto apprezzata è la realizzazione artigianale di borse, tappeti e accessori con le “giummarre”, foglie di palma nana essiccate.
Buseto ha conservato anche l’antica sapienza artigianale dell’intreccio dei tappeti con l’antica tecnica del telaio.

 

BUSETO PALIZZOLO ARTIGIANATO

AREE TEMATICHE

messaggi recenti

Passeggiare tra i tesori di Trapani

Passeggiare tra i tesori di Trapani è l'opportunità che ci viene data dalla iniziativa, giunta per il capoluogo…
Leggi di più...

messaggi recenti

IL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE

Un viaggio nella storia dal VII al III secolo a.C. da percorrere tra i 270 ettari del parco archeologico di…
Leggi di più...

messaggi recenti

FRASCATOLE, UNA RARITÀ NEL PIATTO

La parola “frascatole” risale alla dominazione angioina, deriva dal francese “flasque” (tenero o molle), che in…
Leggi di più...

messaggi recenti

A Palermo una mostra per conoscere Van Gogh

Una mostra per conoscere Van Gogh, le sue opere, la sua vita, i travagli oscuri di un'anima tormentata intrappolati…
Leggi di più...