I LUOGHI

CUSTONACI

Custonaci, conosciuta come «Civitas Mariae», nominata «Città internazionale dei marmi», luogo di devozione e sorgente da cui sgorgano arcane leggende…

Il territorio di Custonaci, facente parte della provincia di Trapani, accoglie a braccia aperte i suoi visitatori e li accompagna alla scoperta del suo paesaggio intriso di fascino e leggenda, di passato e presente, di atmosfere magiche e paesaggi rurali di inestimabile valore.

 

custonaci panorama comune

Nella quieta di un’ “alba araba” si racchiude il senso della bellezza di Custonaci che sorge su di una collina ma si “abbassa” fino al livello del mare inglobando la zona di baia Cornino, celebre per il suo litorale e le sue spiaggette, frequentate d’estate da numerosi bagnanti attratti dalle acque cristalline, dal paesaggio selvaggio e immutato, dall’aria pura e fresca.

cornino passerella

Storia

Risale al 1241 il decreto regio di Federico II di Svevia tramite il quale concesse tredici “Casalia Inhabitata” all’università di Monte San Giuliano (l’attuale Erice). Lo scopo di quest’atto giuridico era quello di unificare gli “habitatores” (gli abitanti) e riunirli in un vasto territorio affinché fosse garantita la crescita della popolazione.

Questo territorio, che si estendeva fino a Castellamare del Golfo, venne poi suddiviso in feudi e amministrato dalle più facoltose famiglie ericine.

La “Riviera dei marmi”, nello specifico, comprendeva sette feudi con trentasei “parecchiate” cioè appezzamenti di terreno adibiti alla coltivazione agricola. Nel territorio circostante si costituirono diversi “bagli”; i primi nuclei abitativi si diffusero attorno al santuario.

Uno dei bagli più importanti del territorio è il Baglio Cofano nel Monte Cofano, proprietà delle famiglie Sanclemente e Maranzano, abbandonato alla fine delle II guerra mondiale.

Nei primi anni del Novecento Custonaci faceva parte del comune di Monte San Giuliano. Dopo la seconda guerra mondiale, con l’affermarsi dell’attività estrattiva del marmo, Custonaci fu il primo territorio dell’agro ericino a diventare autonomo.

Luoghi da visitare

Grotte di Scurati: in prossimità della frazione di Scurati, nel comune di Custonaci, si colgono i resti di un antico insediamento preistorico.

Le Grotte Scurati preservano al loro interno un piccolo borgo di case, abitato dal 1819 fino alla metà del ‘900.grotte SCURATI CUSTONACI

Tracce della presenza umana ancora più remote (utensili e graffiti) sono riconducibili invece all’età del Paleolitico superiore.

Si tratta di un complesso di 9 grotte. La più importante (ma anche la più estesa) è la Grotta Mangiapane, appartenuta all’omonima famiglia. Alcuni scavi archeologici, condotti nel sito, hanno portato alla luce resti di ceramica preistorica risalenti al Neolitico.

grotta mangiapane

Curiosità: All’interno della Grotta è stato girato l’episodio “Il ladro di merendine” della nota serie televisiva il Commissario Montalbano.

Santuario di Maria Santissima di Custonaci

La facciata della Chiesa è decorato da un vistoso rosone. Il santuario, custodisce una tela ad olio su tavola risalente al XV sec., raffigurante la Vergine Maria e il bambino Gesù. L’immagine votiva è divenuta oggetto di culto per i fedeli.

santuario custonaci

Il santuario costruito intorno al 1500 è impreziosito dalla presenza di una tempera su legno risalente al 1541, raffigurante la Madonna in trono con il bambino.

Granaio Islamico

A Custonaci è presente il più antico granaio islamico scoperto in Italia. Ogni anno, in prossimità di questo luogo suggestivo, a ridosso dell’antico Aghadir si organizza l’evento albe arabe al granaio islamico». Il sole sorge dinnanzi agli occhi esterrefatti di turisti e locali, la quiete e la bellezza dei luoghi cattura l’anima e le dona un senso di armonica serenità.

granaio arabo

Monte Cofano Riempie il cuore di meraviglia la vista di Monte Cofano. Il promontorio verdeggiante, le coste frastagliate, l’aria salmastra e piacevole, offrono ai visitatori l’opportunità di vivere una vacanza movimentata. Moltissimi visitatori scelgono di incamminarsi per raggiungerne la vetta, imbattendosi in un percorso a contatto con la natura. Monte Cofano è anche luogo di leggende e di fascino.

monte cofano

Tra percorsi a picco sul mare, torrette di avvistamento, natura selvaggia, Monte Cofano è un piccolo capolavoro della provincia di Trapani.

Tradizioni e delizie culinarie

Sfinci (spince) siciliane:  oliose, deliziose, invitanti e irrinunciabili. Le sfince sono preparate con un impasto di farina e patate lesse, vengono poi fritte nell’olio bollente e cosparse di cannella. Questo dolce, di antica tradizione, è irresistibile per la sua consistenza, per il suo sapore ma ancor prima per l’inebriante odore che emana appena fritto.

sfincie custonaci

Polpette di ricotta: morbide e deliziose, le polpette di ricotta di Custonaci sono servite in salsa di pomodoro e basilico. Un piatto delicato e leggero che ben si adatta a tutti i tipi di palato, dai più raffinati agli estimatori della cucina casereccia.

Cassatelle: a Custonaci non potrete fare a meno di gustare i ravioloni in brodo. Il segreto della loro bontà è la delicatezza.

CASSATELLE A SPIGA

Gli ingredienti si amalgamo, la pasta è soffice e lavorata a mano, il sapore è perfettamente bilanciato, la ricotta crea un leggero contrasto tra dolce e salato. Una vera delizia da gustare accompagnati dal brodo caldo.

AREE TEMATICHE

messaggi recenti

Passeggiare tra i tesori di Trapani

Passeggiare tra i tesori di Trapani è l'opportunità che ci viene data dalla iniziativa, giunta per il capoluogo…
Leggi di più...

messaggi recenti

IL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE

Un viaggio nella storia dal VII al III secolo a.C. da percorrere tra i 270 ettari del parco archeologico di…
Leggi di più...

messaggi recenti

FRASCATOLE, UNA RARITÀ NEL PIATTO

La parola “frascatole” risale alla dominazione angioina, deriva dal francese “flasque” (tenero o molle), che in…
Leggi di più...

messaggi recenti

A Palermo una mostra per conoscere Van Gogh

Una mostra per conoscere Van Gogh, le sue opere, la sua vita, i travagli oscuri di un'anima tormentata intrappolati…
Leggi di più...