Erice e la sua leggenda

“Berretta Rossa”

A Erice la leggenda di “Berretta Rossa” riecheggia ancora, a distanza di secoli, tra gli anziani abitanti del borgo medievale ericino, scenario incantato sospeso tra miti e credenze. Tradizione narra che tra le vie del noto Quartiere Spagnolo, sito militare edificato durante la dominazione spagnola nella prima metà del XVII secolo, il fantasma di un soldato iberico, ribattezzato “Berretta Rossa” per il copricapo che indossava al momento dell’impiccagione, fosse stato condannato a morte per aver ucciso, dopo una colluttazione, il promesso sposo di una giovane ericina, da lui imprudentemente corteggiata. Il rifiuto dei sacramenti religiosi destinati ai condannati prima dell’esecuzione costrinse la sua anima a vagare senza pace per le vie del quartiere, divenuto presto scenario di strani fenomeni paranormali: lamenti, urla, risa diaboliche, misteriose apparizioni; eventi inspiegabili che portarono i muntisi (gli abitanti di Erice) a ritenere che i lavori di edificazione della caserma spagnola furono stati interrotti per via della presenza del fantasma di Berretta Rossa che si faceva gioco di chiunque passasse da lì.

Erice e la sua leggenda - 1

Il quartiere spagnolo, situato su un’altura rocciosa a nord-ovest della vetta, e da cui è possibile ammirare il litorale trapanese bagnato dal Mar Tirreno, è oggi visitabile e accessibile a tutti ma, fate attenzione, a Erice la leggenda di "Berretta Rossa" potrebbe non essere, solo una leggenda! “Piantata nella roccia, selciato naturale di quell’ampia piazza aperta a tutti i venti, la forca non tremò allo schianto del corpo del condannato. L’impiccato era esamine... Tutto d’un tratto lo si vide diguazzare per l’aria, con energia furibonda e disperata”. Tratto da V. Adragna, La Messa del prete morto. Leggende, fantasie ericine e mimi, Publiscula editrice, 1980, Palermo

Potrebbe piacerti anche

Ad Erice gli altarini alla Madonna di Custonaci
  • Erice
  • Storia e Tradizioni

Ad Erice gli altarini alla Madonna di Custonaci

Intreccio tra fede e tradizione

Fede e tradizione muovono gli ericini a celebrare ogni anno, l'ultima settimana del mese di agosto, i festeggiamenti...

  • Fabio Pace
  • 5 agosto 2022
Il tonno nella storia  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

Il tonno nella storia  

Si pescava già nel Neolitico

Il tonno nella storia ha un radicamento profondo. La pesca del tonno e il consumo della sua carne hanno origini anti...

  • Ninni Ravazza
  • 9 maggio 2022
I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale
  • Favignana
  • Storia e Tradizioni

I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale

Fu a fine ‘700 che i fratelli Ignazio e Paolo Florio si trasferirono da Bagnara Calabra in Sicilia per iniziare le...

  • Francesca Adragna
  • 18 maggio 2021
Il Santuario dell'Annunziata di Trapani e il culto mariano
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

Il Santuario dell'Annunziata di Trapani e il culto mariano

«U viaggiu a Maronna», è il pellegrinaggio che vede decine di fedeli muovere dalle loro abitazioni, talvolta a pi...

  • Fabio Pace
  • 10 agosto 2021
Il vicolo dei proverbi a Calatafimi
  • Calatafimi Segesta
  • Storia e Tradizioni

Il vicolo dei proverbi a Calatafimi

Calatafimi, situata nel cuore della provincia di Trapani, in prossimità delle colonne segestane, esibisce un vero e...

  • Alessandra Caputo
  • 26 maggio 2021
L'abbanniata. Voci e suoni dai mercati
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

L'abbanniata. Voci e suoni dai mercati

“Lu putiaru socc'havi abbannia”

Gli antichi mercati siciliani erano gremiti e rumorosi. Sopra il brusio e il tramestio della folla si levavano le ab...

  • Stefania Martinez
  • 22 febbraio 2023