Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso

Ci sono più cose in cielo e in terra ...

"Le grotte sono generate dall’azione della natura e tuttavia sembrano sussurrare in silenzio, sono fredde ma ci fanno sudare, sono inospitali ma irresistibili. In verità l’uomo ha appena iniziato a esplorare ciò che sta sotto la terra e ha scoperto solo una minima parte del mondo sotterraneo". (Bear Grylls)

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 1
Ph: Ninni Gallina

Tra Cielo e Terra

Quanto mare di ogni gradazione di blu e turchesi, quanta sabbia rosa, oro e color schiuma di mare, quante rocce e quanta macchia mediterranea, sotto il cielo di San Vito Lo Capo!

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 2
Ph: Luiz Centenaro

Gli amanti della natura possono apprezzarne le sfumature di colori in ogni stagione, percorrendone la costa e le campagne. Passeggiare lungo la Riserva dello Zingaro, tuffarsi tra scogli e calette sabbiose, arrampicarsi su Monte Monaco o su Cofano, veleggiare ed immergersi tra onde e correnti; oltre sessanta km quadri di escursioni tra mare e terra! Quello che non tutti sanno è che ci si può tuffare anche sotto terra! Anche noi, perlustrando i sentieri più o meno battuti e scortati dal Gruppo Ambientale Speleologico Trapanese, ci siamo imbattuti in crepacci e fessure sulle pareti delle montagne, in improbabili buchi tra le pietre quasi scientemente sagomate e che invece la natura ha posto, in quei punti precisi, seguendo il proprio libero arbitrio.

Le Grotte

Al di sotto delle pareti squadrate dagli scavi delle cave, molto più in giù delle umide zolle in cui mirti e palmizi affondano le loro radici, ci si può ritrovare nei saloni madidi di un gran numero di grotte come quella dell’Impiccato, la Grotta del Trapanese sulle pendici del Monte Inici, la Grotta della Clava e quella di Maria Santissima a Custonaci. Queste sono solo quelle che noi abbiamo visitato, ma ce ne sono più di un centinaio accessibili ai più esperti e temerari.

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 3
Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 4
Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 5

Convinti, come eravamo, di andare a fare una gitarella percorrendo umidi corridoi tra stalattiti e stalagmiti, alla vista del primo pirtuso (buco, ndt) che rappresentava l’accesso alla grotta, siamo stati colti da una divertita incredulità. Un fosso a metà coperto da un balatone (grande lastra di pietra, ndt) di marmo “perlato siciliano”, un buco su di una parete di pietra, una fessura sulla parete della montagna, questi gli accessi agli antri più reconditi.

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 6

A seconda delle pendenze occorre avvalersi di grosse corde ben fissate con ganci e moschettoni, per calarsi in insolite avventure sotterranee.

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 7

Carponi, strisciando e badando bene a non toccare le colonne umide che crescono dal basso e dall’alto delle rocce: lo stillicidio, cioè il gocciolamento che comporta gli accumuli calcarei che, a loro volta, danno origine a stalattiti e stalagmiti, ha come suo peggior nemico il grasso della nostra pelle, che posandosi su di esse provocherebbe lo scivolamento del calcare contenuto nell’acqua, arrestando cosi lo sviluppo in lunghezza di questi incantevoli cunei traslucidi.

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 8

Corallo Bianco, Stalattiti e Stalagmiti

Le grotte disseminate sul nostro territorio si sono originate principalmente grazie a fenomeni carsici; il flusso delle falde d’acqua e la pressione da questo esercitata, ha costruito nei millenni labirinti di cunicoli le cui pareti, in relazione agli effetti del gocciolamento si sono impreziosite di concrezioni simili a banchi di corallo bianco;

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 9

mentre soffitti e pavimenti sono decorati da colonne stalattiti e stalagmiti. I movimenti tettonici, poi, hanno svolto la funzione di architetti creando le dinamiche dei percorsi sotterranei.

Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 10
Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 11
Le grotte trapanesi. Discesa in paradiso - 12

Nel buio di questi salotti, alla sola luce della piccola lampadina sul casco di protezione, ci siamo fermati in silenzio per cogliere il respiro delle grotte, il suo lento pianto generatore di teorie di piccoli laghi d’acqua purissima, per scoprire che a volte bisogna discendere agli inferi e trovare inaspettati paradisi!

Potrebbe piacerti anche

La Scuola di Cucina Nuara
  • Trapani
  • Esperienze e Itinerari

La Scuola di Cucina Nuara

Cos’è Nuara? È tradizione, convivialità, amore per il cibo, cultura e didattica. Nuara è una Scuola di Cucina ...

  • Flavia Fodale
  • 1 luglio 2016
Marsala: la movida al mercato
  • Marsala
  • Esperienze e Itinerari

Marsala: la movida al mercato

Bancarelle di giorno, musica di notte

Situato nelle immediate vicinanze di Porta Garibaldi, l’antico Mercato ittico di Marsala, offre una piacevole sorp...

  • Flavia Fodale
  • 1 giugno 2016
I Tramonti di Trapani
  • Trapani
  • Esperienze e Itinerari

I Tramonti di Trapani

I mille volti del sole

Chi non s’è fermato ad ammirare un tramonto o non ha approfittato dei suoi magici colori per rendere speciale un ...

  • Paola Corso
  • 18 maggio 2021
I sentieri di Erice. Itinerari del passato
  • Erice
  • Esperienze e Itinerari

I sentieri di Erice. Itinerari del passato

Il comune di Erice, insieme al CAI, ha inaugurato due sentieri. Il primo è il “sentiero Sant’Anna” che, da Po...

  • Francesca Adragna
  • 21 maggio 2021
Pesca d’altura a San Vito Lo Capo
  • San Vito Lo Capo
  • Esperienze e Itinerari

Pesca d’altura a San Vito Lo Capo

Un’esperienza di mare

"Soffia, soffia a prua… no, non siamo nello sconfinato Oceano e non c’è il capitano Achab ad ascoltare il grido...

  • Ninni Ravazza
  • 28 maggio 2021
Visite e degustazioni in cantina: dal marsala ai vitigni autoctoni trapanesi
  • Marsala
  • Esperienze e Itinerari

Visite e degustazioni in cantina: dal marsala ai vitigni autoctoni trapanesi

Le visite e le degustazioni in cantina, alla scoperta dei vitigni autoctoni siciliani e della cultura legata al vino...

  • Federica Barbera
  • 8 agosto 2020