La pasta con i tennarumi

Una zuppa calda estiva

Alla “pasta chi tennarumi”, minestra calda della cucina palermitana-trapanese, i siciliani non rinunciano, neanche con 40 gradi all’ombra. È una minestra tipicamente estiva. I tennarumi sono infatti i germogli e le foglie della pianta di una particolare varietà di zucchina estiva, la zucchina serpente che in Sicilia chiamiamo “cucuzza longa” (zucchina lunga).
Le foglie hanno una consistenza vellutata e finiscono nella zuppa assieme ai pezzi di zucchina.

Nel palermitano è uso chiamare questa minestra anche “Pasta chi piezzi”, poiché le foglie somigliano proprio a piccoli ritagli di stoffa (piezze).
La ricetta tradizionale prevede l’uso degli spaghetti spezzati, cotti nella stessa acqua dove sono stati lessati i tenerumi.
La pasta, soprattutto nel palermitano è poi condita con il “picchio – pacchio”, una salsa preparata con pomodoro pelato, olio e aglio.
La minestra viene impiattata e ricoperta di caciocavallo in scaglie o di ricotta salata grattugiata.
La fronte del siciliano medio a questo punto si righerà di sudore, ma a lui non interesserà perché la pasta con i tennarumi è una vera prelibatezza.

La pasta con i tennarumi - 1

Ingredienti

per 4 persone

  • 200 g di spaghetti spezzati
  • 2 spicchi di aglio rosso di Nubia
  • 600 g pomodori ben maturi e dolci
  • 350 g di zucchina lunga
  • 350 g di tenerumi
  • olio extravergine d’oliva
  • caciocavallo palermitano o ricotta salata
  • sale e pepe

Preparazione

Lavare per bene i tennarumi mettendoli in ammollo in acqua fredda con un cucchiaio di bicarbonato per almeno 30 minuti. Tagliare la zucchina a pezzi piccoli. Sciacquare i tenerumi per bene sotto l’acqua corrente e lessarli in abbondate acqua salata, per circa 30 minuti. A metà cottura aggiungere la zucchina.
Intanto preparare in una padella la salsa picchio pacchio. Rosolare nell’olio EVO l’aglio tagliato a pezzetti, quando si sarà imbiondito aggiungere il pomodoro privato della pelle e dei semi.
Aggiustare di sale e lasciar cuocere per 15 minuti, aggiungere poi la pasta spezzata.
A cottura ultimata unire alla pasta metà del sughetto a base di pomodoro.
Impiattare e ad ogni porzione unire un po’ di pomodoro, finire con un filo di olio EVO e una grattata di formaggio.

Potrebbe piacerti anche

Pasta con i ricci (Pasta cu i rizzi)
  • Ricette

Pasta con i ricci (Pasta cu i rizzi)

Per questo piatto si usa la polpa di riccio color corallo contenuta in cinque gonadi poste a raggiera all’interno ...

  • 8 agosto 2019
Pesto alla trapanese o “Pasta cull’agghia”
  • Trapani
  • Ricette

Pesto alla trapanese o “Pasta cull’agghia”

La ricetta tipica del pesto alla trapanese: facile, veloce e squisito! ...

  • 4 agosto 2021
Polpette di sarde
  • Ricette

Polpette di sarde

400 gr. sarde pulite 100 gr. pecorino grattugiato 50 gr. uva passa 50 gr. pinoli 1 uovo 1 spicchio d’...

  • 4 agosto 2021
Raù di runcu cu l’agghia e muddrica (Ragù di gronco con aglio e mollica)
  • Ricette

Raù di runcu cu l’agghia e muddrica (Ragù di gronco con aglio e mollica)

INGREDIENTI 500 grammi di busiate o gnocculi cavati, 500 grammi di gronco (quattro fette), vino bianco secco, due...

  • 6 luglio 2018
Sarde a beccafico
  • Ricette

Sarde a beccafico

Le “sarde a beccafico” altro non sono, nel nome e nella elaborazione, che una imitazione povera dei piatti di ca...

  • 26 maggio 2021

L’insalata di limoni
  • Ricette

L’insalata di limoni

A ‘NSALATA RI LIMUNA

L’insalata di limoni è un piatto povero, tipicamente Siciliano. Gusti forti, accesi da accostare a del buon pane ...

  • 4 giugno 2021