Le Cave di Cusa e il Castello Grifeo

I secoli scorrono sulla pietra

Vicini geograficamente, lontani nello scorrere dei secoli e della storia, hanno in comune il fascino di essere luoghi sospesi nel tempo. Sono il Castello Grifeo di Partanna e le Cave di Cusa, siti entrambi visitabili con lo stesso biglietto del Parco Archeologico di Selinunte, l’attrattiva archeologica principale dell’aerea belicina.

Castello Grifeo

Muovendosi verso l’interno della Valle del Belìce alle pendici di una collina, su cui poi si è sviluppata la città di Partanna, sorge il Castello Grifeo oggi Museo Regionale di Preistoria del Belice.

È uno dei più bei castelli della Sicilia e anche tra i meglio conservati, grazie agli attenti e corposi restauri.

Il maniero risale all’epoca in cui il Gran Conte Ruggero il Normanno conquistò Partanna e pose fine al dominio musulmano e nel 1091 divenne residenza della famiglia Grifeo. Nove secoli di storia durante i quali è stato ampliato ed arricchito.

Una fortezza con pianta rettangolare a corpo triplo e un cortile interno; tetto a falde con travi lignee e tegole; murature in conci di tufo, in pietra e pavimenti in ceramica e terracotta.

Le mura sono spesse e l’edificio è caratterizzato da torri e merlature alcune di tipo “guelfo”, non troppo sviluppate in altezza.

Talmente imponente e solida la costruzione che il castello ha resistito al devastante terremoto del 1968 che colpì la Valle del Belìce.

Le Cave di Cusa e il Castello Grifeo - 1

Nella “Sala del Trono”, è possibile ammirare lo stemma dei Grifeo, opera dello scultore e medaglista Francesco Laurana

La “Cella della Monaca” è invece uno sportello che si apre in una stanza, all’interno della quale, narra la leggenda, sarebbe vissuta in eremitaggio una religiosa, i cui resti non furono mai trovati.

All'interno del salone, detto anche “sala delle armi”, si può ammirare il bellissimo affresco del 1777, raffigurante il Gran Conte Ruggero su un cavallo bianco e alle sue spalle Giovanni Grifeo mentre che imbraccia uno scudo.

La Cave di Cusa

Le Cave di Cusa, sono a circa 11 Km a Nord-Est del Parco di Selinunte, nel territorio di Campobello di Mazara. Proprio da quella cava veniva estratto il materiale per la costruzione dei templi della città selinuntina.

La guerra tra Selinunte e Cartagine fu improvvisa e anche il conseguente abbandono della cava dovette essere altrettanto repentino. Dall’analisi dei resti e dei luoghi gli archeologi hanno ipotizzato che vi lavorassero ogni giorno circa 150 persone.

Un’attività che doveva essere centrale nell’economia dell’antica Selinus. Molti dei blocchi sono rimasti scavati a metà e recano ancora i segni del lavoro degli uomini. Si tratta di grandi massi di forma cilindrica sparsi sul terreno, alcuni pronti per il trasporto e altri predisposti per essere estratti.

blocchi cave di cusa partanna

I blocchi infatti venivano lavorati direttamente dalla roccia e la tecnica di estrazione era faticosa e difficile; poi staccati e trascinati tramite argani o fatti scivolare su piani inclinati e trasportati fino a Selinunte attraverso una pista larga e rocciosa.

Nelle Cave di Cusa, che meritano di essere visitate per la loro peculiarità, è possibile ammirare anche qualche capitello appena abbozzato e le gigantesche colonne destinate, data la grandezza dei blocchi estratti, quasi sicuramente al Tempio G che secondo gli archeologi rimase incompiuto a causa degli eventi bellici che precipitarono Selinunte nel declino.

Potrebbe piacerti anche

Buseto Palizzolo, come vivere tra campagna e città
  • Buseto Palizzolo
  • Territorio e Architettura

Buseto Palizzolo, come vivere tra campagna e città

La natura si riprende i suoi spazi

Buseto Palizzolo e San Vito Lo Capo, paesi dell’agro ericino, hanno una singolare particolarità che li distingue ...

  • 21 giugno 2023
Erice: i giardini del balio, le torri e la torretta Pepoli
  • Erice
  • Territorio e Architettura

Erice: i giardini del balio, le torri e la torretta Pepoli

Muovendo dalle strade lastricate del Borgo medievale di Erice quattro varchi conducono ai giardini del Balio, ora pr...

  • Stefania Martinez
  • 28 maggio 2021
Le saline nella provincia di Trapani, tra vasche e mulini
  • Trapani
  • Territorio e Architettura

Le saline nella provincia di Trapani, tra vasche e mulini

Le saline sono elemento costituente e inconfondibile del paesaggio che da Trapani, lungo la strada SP 21, giunge a M...

  • Fabio Pace
  • 5 agosto 2021
Gibellina, Archeologia della contemporaneità.
  • Gibellina
  • Territorio e Architettura

Gibellina, Archeologia della contemporaneità.

Tra nostalgia del futuro e aspettative del passato

Visitare Gibellina è, a tutti gli effetti, una visita di sapore archeologico. Rientra in una pratica consolidata di...

  • Franco Candiloro
  • 26 luglio 2014
Erice e i suoi cortili
  • Erice
  • Territorio e Architettura

Erice e i suoi cortili

Erice medievale. Ad un primo sguardo il borgo, con il suo impianto urbanistico, si consegna all’immaginario del vi...

  • Angela Volo
  • 27 luglio 2022
Erice, la montagna del Signore
  • Erice
  • Territorio e Architettura

Erice, la montagna del Signore

Itinerario tra fede ed architettura

Il borgo di Erice è ricco di chiese. Vi sono state erette a segnare, oltre che la profonda devozione degli ericini,...

  • Stefania Martinez
  • 4 agosto 2022