Spiagge a Trapani

Il mare in città a due passi da casa

Barcellona, Lisbona, Nizza, Miami, Rio De Janeiro. Grandi città che hanno un elemento in comune: la spiaggia, forte attrattiva per i turisti, si apre direttamente sull’area urbana. Anzi, a ben leggere la storia di queste città si scopre che l’urbanizzazione è cominciata a partire dalla spiaggia. Gli addetti ai lavori, esperti di turismo, le chiamano “spiagge urbane” e sono considerate un plus. Tant’è che altre importanti città attraversate da fiumi e canali hanno cercato di ricreare luoghi di ricreazione e balneazione alternativi sulle loro rive, anche a costo di ricreare spiagge artificiali. È così a Firenze, a Berlino, a Parigi, a Milano, solo per citarne alcune.

Poi ci sono mete e spiagge meno conosciute che però, fatte le debite proporzioni, offrono ad abitanti e turisti le stesse possibilità. Trapani, stretta tra due mari, pur non avendo la forza di richiamo turistico di città internazionalmente note, ha le sue spiagge urbane, frequentate in primo luogo dai suoi abitanti. Il mare e la spiaggia dei trapanesi, almeno per le generazioni nate dopo il 1950, hanno un nome: San Giuliano, una striscia di sabbia dorata di quasi un chilometro. In realtà la spiaggia di San Giuliano, a meno di due chilometri dal centro, è nel Comune di Erice, a causa della singolare divisione amministrativa e a dispetto dello stesso tessuto urbanistico. Tutto il litorale nord della costa trapanese, da Torre di Ligny fino al mulino di San Cusumano era luogo di balneazione.

Spiagge a Trapani - 1
Spiaggia del litorale Dante Alighieri

Proprio sotto la seicentesca torre di avvistamento c’è la cosiddetta “vasca du parrino”, una sorta di piscina naturale tra gli scogli, poco distante dal Bastione Sant’Anna. Vi si accede dalla minuscola spiaggia di ciottoli di cala San Liberale, che deve il suo nome all’omonima chiesetta sul mare.

Poi c’è la spiaggetta di Porta Botteghelle, tra il Bastione Conca e la vecchia pescheria: un paio di centinaia di metri di sabbia sotto le mura, in pieno centro storico, poco distante da un piccolo molo ancor oggi usato da pescatori dilettanti. La spiaggia di porta Botteghelle si affaccia su un mare di un verde-azzurro intenso a causa del fondale sabbioso.
Altre lingue di sabbia, plasmate dalle maree, si formano pure sotto il primo tratto della litoranea, dove insistono ristoranti e trattorie; vi si accede da una scaletta in pietra a fianco dell’antico mercato.

Spiagge a Trapani - 2
Spiaggetta Porta Botteghelle

Sono di recentissima formazione due ampie lingue di sabbia, fine e bianca, per effetto del cambiamento delle correnti, dopo la realizzazione delle nuove barriere frangiflutti all’inizio degli anni 2000. Sono le spiagge tra la costa e le barriere frangiflutti: una all’altezza dell’ampio parcheggio di Piazza Vittorio Emanuele II, spiaggia libera; l’altra, un centinaio di metri più avanti, ospita un lido balneare.

Spiagge a Trapani - 3
Spiaggia di fronte Piazza Vittorio Emanuele II

Pochi ricordano, però, che quel tratto di mare fu luogo di balneazione già prima degli anni 50 e nel periodo prebellico, grazie ad uno stabilimento balneare realizzato su palafitte. Perché prendere i bagni in piena città, a pochi metri dalle loro case, è sempre stato un lusso che tutti i trapanesi, di ogni estrazione sociale, si sono presi.

PH: SAMUELE MONTALTO

Potrebbe piacerti anche

Spiagge in provincia di Trapani: baie e calette di cui innamorarsi.
  • Trapani
  • Mare e Montagna

Spiagge in provincia di Trapani: baie e calette di cui innamorarsi.

Tramonti indimenticabili

Quali sono le spiagge della provincia di Trapani da non perdere? Se state programmando una vacanza in Sicili...

  • Federica Barbera
  • 20 luglio 2022
L’incendio al Bosco di Scorace
  • Buseto Palizzolo
  • Mare e Montagna

L’incendio al Bosco di Scorace

L’uomo come un virus, ma la natura è resiliente

L’incendio al Bosco di Scorace, che ha devastato 600 dei 750 ettari di verde, mi ha fatto venire in mente una paro...

  • Fabio Pace
  • 31 agosto 2022
Pantelleria, l’isola dei dammusi
  • Pantelleria
  • Mare e Montagna

Pantelleria, l’isola dei dammusi

Spruzzi di bianco sull’isola nera

Pantelleria, isola vulcanica definita la “perla nera del Mediterraneo”, è caratterizzata da due segni della pre...

  • Stefania Martinez
  • 2 agosto 2022
La Riserva dello Zingaro
  • Castellammare del Golfo
  • Mare e Montagna

La Riserva dello Zingaro

Guida al trekking nella natura incontaminata

Fra San Vito lo Capo e Scopello, all’estremità del golfo di Castellammare e lungo la costa che da greci e latini ...

  • Stefania Martinez
  • 5 agosto 2022
A San Vito Lo Capo il paradiso del free climbing
  • San Vito Lo Capo
  • Mare e Montagna

A San Vito Lo Capo il paradiso del free climbing

A mani nude su Monte Monaco

Monte Monaco a San Vito Lo Capo è la montagna che incombe sulla spiaggia, elemento insostituibile, forse anche un p...

  • 26 luglio 2022
I fondali da San Vito fino a Scopello  
  • San Vito Lo Capo
  • Mare e Montagna

I fondali da San Vito fino a Scopello  

Il Kent ,"la nave dei Corani"

“La nave dei Corani”. Denominazione di grande fascino per il Kent, un cargo cipriota affondato sotto la costa di...

  • Fabio Pace
  • 7 maggio 2022