Evocava, il museo delle cave ad ipogeo

Il tesoro sotterraneo di Mazara del Vallo

Una camera del tempo, sorprendente, evocativa, magica. Alle pareti le iscrizioni di alcune date comprese tra il 1820 al 1834. È la cava di tufo sotterranea, ampia quasi 3000 metri quadrati scoperta, ma non per caso, dai ragazzi di Periferica, una associazione costituita da Carlo Roccafiorita, Giulia Bonanno e Paola Galluffo, che da alcuni anni, già dal 2013, elabora con pazienza e caparbietà un progetto di rigenerazione urbana nel quartiere Macello di Mazara del Vallo.

La scoperta di questo mondo sotterraneo non può essere considerata solo frutto del caso, perché Periferica una proposta museale embrionale, legata alle cave dismesse tra Mazara del Vallo e Marsala, l’aveva avanzata e resa pubblica già nel 2018 ed altri quattro siti, cave dismesse ma in superficie, avevano aderito al progetto attraverso i loro proprietari.

Evocava, il museo delle cave ad ipogeo - 1

Il quartiere Macello di Mazara del Vallo è una periferia che ha la vocazione per divenire “centro” e motore culturale proprio grazie all’ipotesi progettuale dei ragazzi di Periferica.

La scoperta della cava ad ipogeo, dalla quale in un passato remoto si estraeva la pietra dalle sfumature dorate che caratterizzano molti nostri paesaggi urbani, monumenti, chiese e palazzi nobiliari, è legata ad alcuni lavori per il futuro museo delle cave.

Carlo Roccafiorita e i suoi compagni di avventura durante alcuni interventi all’interno della propria cava, punto d’origine del progetto, hanno compreso che oltre la parete di un’antica galleria chiusa con alcuni conci di tufo potesse esserci “altro”.

«In effetti – ricorda Carlo Roccafiorita – quello che c’era dall’altra parte e che abbiamo esplorato con uno speleologo ci ha lasciati senza fiato».

Una cava con cunicoli e pareti scavati dalla mano dell’uomo. Pareti graffiate dal lavoro dei cavatori. Ogni centimetro di vuoto è frutto di sudore e fatica. Ogni scalfittura sulla roccia è l’incisione dello sforzo di decine di uomini che vi hanno operato alla luce flebile delle torce, delle lampade ad acetilene.

Evocava, il museo delle cave ad ipogeo - 2

Un tesoro di memoria e di suggestioni. Il cuore di Evocava, il futuro museo delle cave attorno al quale valorizzare il patrimonio etno-antropologico delle cave mazaresi.

Le iscrizioni delle date alle pareti potrebbero rappresentare le aperture dei cantieri, le diverse fasi di “coltivazione” della cava di tufo.

Tra le altre testimonianze anche l’iscrizione della data 1939 ed il ritrovamento di medicinali, giocattoli, viveri: forse la cava nel periodo bellico divenne rifugio antiaereo, o forse potrebbe essere la data dell’ultimo cantiere estrattivo del prezioso tufo.

Evocava, il museo delle cave ad ipogeo - 3

Il futuro del progetto Evocava deve ancora essere definito. Periferica mira a interessare la parte pubblica e i privati, a coinvolgere la comunità, per esempio avviando una campagna di scavo e ricerca di altre cave ad ipogeo nell’intorno.

Il territorio mazarese potrebbe essere uno scrigno di tesori, solo da scoprire. La cava sotterranea non è aperta al pubblico, ma piccoli gruppi vi possono essere condotti dai ragazzi di Periferica e insieme a loro sognare un cambiamento di cultura e di fruizione nel quartiere Macello di Mazara del Vallo.

Evocava, il museo delle cave ad ipogeo - 4

Potrebbe piacerti anche

Mazara del Vallo e la kasbah. Tracce di Islam  
  • Mazara del Vallo
  • Territorio e Architettura

Mazara del Vallo e la kasbah. Tracce di Islam  

Segni urbanistici di arabi e normanni

Mazara del Vallo conserva tracce di Islam, nonostante il lavoro di trasformazione compiuto dai Normanni. A Mazara de...

  • Stefania Martinez
  • 7 maggio 2022
Buseto Palizzolo. Tra urbe e campagna
  • Buseto Palizzolo
  • Territorio e Architettura

Buseto Palizzolo. Tra urbe e campagna

Buseto Palizzolo, affascinate paese, “poggiato” come un presepe, tra valli e colline. Immerso nei prati che c...

  • Fabio Pace
  • 28 maggio 2021
Le chiese sconsacrate di Erice
  • Erice
  • Territorio e Architettura

Le chiese sconsacrate di Erice

Quando il sacro diventa profano

Erice, la città d’origine fenicia che sorge sulla cima di Monte San Giuliano, ha concretizzato la sua vocazione a...

  • Francesca Adragna
  • 24 febbraio 2023
Marsala. Architettura arte e archeologia  
  • Marsala
  • Territorio e Architettura

Marsala. Architettura arte e archeologia  

Di Marsala, colpisce l’omogeneità del colore. Nelle giornate estive il giallo ocra dei muri assume in tutto il ce...

  • Stefania Martinez
  • 2 agosto 2022
Una passeggiata alla scoperta di Trapani
  • Trapani
  • Territorio e Architettura

Una passeggiata alla scoperta di Trapani

Le vie dei tesori

Vi portiamo alla scoperta di Trapani, una passeggiata virtuale tra le vie dei tesori di questa seducente città dell...

  • Audrey Vitale
  • 7 marzo 2023
Le scalinate di castellammare del golfo
  • Castellammare del Golfo
  • Territorio e Architettura

Le scalinate di castellammare del golfo

Bianche e suggestive

Le scalinate di Castellammare del Golfo: bianche, ripidissime. Un ascensore naturale per collegare il porto con il c...

  • Stefania Martinez
  • 24 febbraio 2023