I formaggi ovini siciliani

Tumazzu, vastedda, piacentino e maiorchino

Dietro un formaggio c’è un pascolo d’un diverso verde sotto un diverso cielo: prati incrostati di sale [...]; prati profumati d’aromi al sole ventoso [...]; ci sono diversi armenti con le loro stabulazioni e transumanze [...].

Italo Calvino nel romanzo “Palomar” descrisse la straordinaria biodiversità delle produzioni lattiero casearie francesi.

I formaggi ovini siciliani - 1

L’Italia è, con la Francia, la terra con il maggior numero di formaggi a denominazione DOP e IGT d’Europa. La Sicilia è una delle regioni più fertili in tal senso: alcuni formaggi vengono prodotti ancora a mano, con latte crudo e attrezzature tradizionali in legno e giunco, da razze autoctone allevate su pascoli naturali. Non vengono utilizzate colture starter, cioè colture microbiche selezionate, ma fermenti “autoctoni” naturalmente presenti nel latte. Tutti questi fattori incidono sulla qualità nutrizionale e aromatica dei formaggi siciliani. Unici quelli ovini. Il latte di pecora contiene più grasso e proteine che, degradati da alcuni enzimi, producono composti aromatici che infondono profumi caratteristici a questi formaggi (odore di affumicato, di animale, di fieno e di erbe aromatiche).

I formaggi ovini siciliani - 2

Il Pecorino Siciliano, chiamato “tumazzo” in dialetto, ha diversi gradi di stagionatura e salagione: la Tuma fresca si consuma subito, senza alcuna salatura; il “primosale” dopo 8 giorni; il “secondo sale” dopo 2-4 mesi. Per lo stagionato che trasuda olio e ha un sapore deciso e tendente al piccante servono dai 4 mesi in su; ottimo da mangiare come antipasto, accompagnato da frutta, miele o confetture, oppure sulla pizza rianata tipica del trapanese. Tuma e primo sale sono ottimi alla griglia, conditi con un filo d’olio e origano.

I formaggi ovini siciliani - 3

La Vastedda del Belìce si produce nella valle del fiume omonimo il cui bacino è compreso tra i comuni di Trapani, Agrigento e Palermo. È un formaggio a pasta filata, tecnica in cui il formaggio appena prodotto, si taglia a fette e si fila immergendolo in acqua calda a 80°C nel cosiddetto piddiaturi (tradizionale mastello di legno). Ha la tipica forma di un pane del trapanese (da qui il nome), che si ottiene collocando la pasta in un piatto fondo di ceramica. È ottima tagliata a fette e condita con olio extravergine d’oliva, pomodoro e origano.

I formaggi ovini siciliani - 4

Particolarissimo è il Piacentinu Ennese, un pecorino puntellato di grani di pepe, di una vivace colorazione giallo oro ottenuta grazie allo zafferano. Leggenda narra che re Ruggero per guarire la moglie affetta da depressione, ordinò di caseificare con lo zafferano, spezia dalle straordinarie proprietà energizzanti. Può essere consumato in purezza o come ingrediente nella preparazione di varie ricette. Si impiega ad esempio nel capretto abbuttunato tipico dell’ennese.

I formaggi ovini siciliani - 5

Il maiorchino, altra eccellenza siciliana, si produce in alcuni comuni del messinese, in particolare a Novara di Sicilia. Viene realizzato con diverse tipologie di latte: ovino in maggior quantità, ma anche bovino e caprino. A Carnevale a Novara si tiene il celebre torneo del lancio del formaggio per le vie del paese (la ruzzola), con degustazioni di maiorchino e prodotti tipici.

I formaggi ovini siciliani - 6

Potrebbe piacerti anche

La valle del Belìce: la gastronomia  
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

La valle del Belìce: la gastronomia  

Nocellara, pane nero di Castelvetrano e vastedda

La Valle del Belice, nucleo della memoria del sisma che nel ’68 ne devastò la struttura sociale oltre che le abit...

  • Piero Rotolo
  • 7 maggio 2022
Il couscous. La rivincita del piatto di semola.
  • San Vito Lo Capo
  • Cibo e Sapori

Il couscous. La rivincita del piatto di semola.

Il piatto principe della cucina trapanese è il couscous in brodo di pesce. Qualcuno si domanderà come mai una piet...

  • Laura Di Trapani
  • 4 luglio 2011
La ricotta e’ versatile. Dal "quararo" alla cucina
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

La ricotta e’ versatile. Dal "quararo" alla cucina

Ognuna di queste prelibatezze ha il cuore di ricotta: agnolotti e cassatelle; cannoli e cannelloni; cassate e torte ...

  • Francesca Adragna
  • 3 giugno 2021
L'olio di oliva trapanese. Le valli del DOP
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

L'olio di oliva trapanese. Le valli del DOP

Tremila anni di storia

L’olio d’oliva trapanese s’è conquistata una sua Denominazione d’Origine Protetta. Un territorio nelle cui ...

  • Alba Allotta
  • 3 giugno 2021
Arancina con la A
  • Trapani
  • Cibo e Sapori

Arancina con la A

Speriamo che sia Femmina

Arancina. Spieghiamo il perché della declinazione al femminile. Amiamo il personaggio del commissario Salvo Montalb...

  • Fabio Pace
  • 18 maggio 2021
Il vino Marsala. Tipologie, caratteristiche e storia
  • Marsala
  • Cibo e Sapori

Il vino Marsala. Tipologie, caratteristiche e storia

L’epopea in bianco e nero del “Victory Wine”

Dal successo al dimenticatoio. Dal palcoscenico al circo. Parlare di vino Marsala è come raccontare di un’attrice...

  • Laura Di Trapani
  • 2 agosto 2012