La coppola siciliana

Una tradizione contemporanea

Nata come accessorio dell’abbigliamento maschile siciliano, la coppola, col tempo, è divenuta un must. Inizialmente indossata dalle classi proletarie, fu poi apprezzata anche dalle classi più agiate, con finiture e tessuti diversi.

Fama e utilizzo della coppola non hanno avuto confini, ma la sua identità ha continuato a essere associata alla Sicilia.
Va detto, però, che l’origine italiana è dubbia: c’è chi sostiene che a far conoscere questo accessorio furono le famiglie britanniche, quando, nel tardo XIX sec., emigrarono in cerca di investimenti. Per questa teoria e data la sua forma, il nome coppola deriverebbe dall’inglese cup (tazza), mentre per il dizionario Garzanti da coppa, in quanto sommità della persona. Di certo sappiamo che i siciliani se ne appropriarono, facendone un copricapo tradizionale.

coppola siciliana
Ph: Adam Neumann (su Unsplash)

A seconda della tipologia o da com’era posta sul capo, era simbolo di ricchezza, di appartenenza al modo artigiano, agricolo o ai clan degli uomini d’onore.

“I picciotti”, ovvero i ragazzi affiliati alla mafia la portavano “di sghimbescio” (inclinata su un lato), per dimostrare spavalderia e ribellione alle convenzioni; non a caso erano denominati “coppole storte”.

coppola siciliana
Ph: Federico Di Dio - (su Unsplash)

La coppola, simbolo e stereotipo di certa criminalità, ha visto il riscatto grazie alla moda. Dolce&Gabbana, viste le origini siciliane di uno dei due stilisti, hanno sempre avuto a cuore la coppola, proponendola nelle più svariate versioni e rendendola sempre più trendy e anche unisex.

La coppola siciliana - 1
Ph: Dolce & Gabbana

Ancora più identitario il laborioso ingegno degli artigiani siciliani che hanno trasformato la coppola ed il suo retaggio in progetti creativi. È il caso dell’azienda “A Coppola Storta” che sostiene la salvaguardia dell’ambiente, limitando i rifiuti tessili e promuovendo il riciclo di capi in disuso. Un progetto che ha visto l’azienda distinguersi anche in campo sociale attraverso il sostegno ad AddioPizzo (movimento portavoce contro il racket, l’usura e la mafia) o insieme ad Amnesty International per cui ha presentato l’edizione limitata: “La Coppola Storta per gli Umani Diritti”.

Progetti che, senza mai dimenticare l’identità della coppola, hanno connotato il brand in chiave etica e sociale; tanto che nel 2017, l’azienda ha partecipato alla mostra “Items: Is Fashion Modern?”, al MoMA di New York, posta accanto a oggetti iconici, come i jeans, la kefiah, il little black dress di Coco Chanel, a rappresentare l’identità e la forza del popolo siciliano.

Dopo la scomparsa della fondatrice, Tindara Agnello, la mission è stata proseguita dall’azienda “Tanto di Coppola” che oltre a rivendicare l’identità della coppola si occupa di riciclo creativo dei tessuti e nel laboratorio sartoriale in provincia di Palermo, realizza pezzi unici e interamente fatti a mano. I modelli hanno un chiaro richiamo alle radici: “Pirandello”, “Meusa” fino a quelli dedicati a Santa Rosalia, patrona di Palermo.

Creazioni che non smettono mai di rinnovare la coppola, ma che grazie al lavoro artigianale delle botteghe di una volta mantengono “il sapore” della tradizione ed esaltano la forza di una terra che vuole rinnovarsi e rivendicare il proprio valore, partendo dalle proprie radici!

Tanto di Coppola
Tanto di Coppola

Potrebbe piacerti anche

Il Marsala. Un gusto molto “British”  
  • Marsala
  • Storia e Tradizioni

Il Marsala. Un gusto molto “British”  

Il Marsala è stato inventato dagli inglesi. Frutto di una serie di coincidenze fortuite e grazie ad una brillante i...

  • Angela Volo
  • 2 agosto 2022
"A cu' afferra un turco e' so'”
  • Storia e Tradizioni

"A cu' afferra un turco e' so'”

«A cu’ afferra un turcu è so’» è un antico detto trapanese. Il senso che l’espressione assume oggi è: chi...

  • Santo Graziano
  • 14 maggio 2021
La Mattanza di Favignana
  • Favignana
  • Storia e Tradizioni

La Mattanza di Favignana

Quando il mare si tingeva di rosso

La mattanza è l’antico sistema di pesca del tonno rosso praticato nelle tonnare di tutto il Mediterraneo. La mat...

  • Stefania Martinez
  • 25 luglio 2022
San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  
  • San Vito Lo Capo
  • Storia e Tradizioni

San Vito Lo Capo Il 15 Giugno festeggia il suo Santo Patrono  

Echi dal Medioevo

San Vito martire, giovane cristiano, nativo di Mazara del Vallo (III secolo d.C), che rifiutando di abiurare la sua ...

  • Stefania Martinez
  • 28 luglio 2022
I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale
  • Favignana
  • Storia e Tradizioni

I Florio. La bella epoque della Sicilia Occidentale

Fu a fine ‘700 che i fratelli Ignazio e Paolo Florio si trasferirono da Bagnara Calabra in Sicilia per iniziare le...

  • Francesca Adragna
  • 18 maggio 2021
Il Santuario dell'Annunziata di Trapani e il culto mariano
  • Trapani
  • Storia e Tradizioni

Il Santuario dell'Annunziata di Trapani e il culto mariano

«U viaggiu a Maronna», è il pellegrinaggio che vede decine di fedeli muovere dalle loro abitazioni, talvolta a pi...

  • Fabio Pace
  • 10 agosto 2021