Le grotte da San Vito a Castelluzzo

Percepire l'eco della natura nelle viscere oscure delle grotte

Scendere nei meandri della terra, scrutare le viscere oscure delle grotte, percepire l’eco della natura che racconta, nel suo estatico silenzio, le storie di uomini, ciclopi e titani, abitanti di un mondo sotterraneo in cui l’erba cede il passo alla roccia.

Addentrarsi in una grotta corrisponde alla ricerca metaforica di un’intima unione con una realtà che alberga al di fuori delle forme ordinarie di conoscenza e di esperienza.

È un atto voluto (nessuno si addentra in una grotta per caso!), è la dirompente voglia di conoscere l’universo degli ambienti sotterranei del pianeta.

A questa metaforica “chiamata” rispondono escursionisti desiderosi di percorrere i sentieri di San Vito lo Capo e Castelluzzo, districati in una fitta rete di itinerari.

Da Scopello risalendo verso il Capo San Vito, la prima cavità da menzionare è la Grotta dell’Uzzo, nella Riserva dello Zingaro. Questo complesso speleologico è tra i più importanti siti preistorici della Sicilia. La comunità che occupava la grotta era costituita, secondo la ricostruzione, da un gruppo di cacciatori-raccoglitori che vivevano nella zona fin dall’età del Primo Mesolitico.

Grotta dell'Uzzo
Grotta dell'Uzzo

A circa 2,5 km dal centro abitato di San Vito Lo Capo c’è la grotta dei Cavalli, la più vasta cavità del territorio. L’ingresso, lambito da un ampio costone roccioso, è largo ed alto una decina di metri. L’ampia galleria interna è lunga una cinquantina di metri. Il suolo è ricoperto da terra rossa. Le pareti della grotta sfoggiano un complesso iconografico e pittorico.Si tratta di due principali gruppi di raffigurazioni: il primo, comprende figure ellittiche, circolari e sinusoidale. Il secondo racchiude figure di vago aspetto antropomorfo: tra queste compare anche quella di un arciere che insegue una creatura zoomorfa, non meglio identificata. Al suo interno vi si registra un curioso fenomeno di archeoastronomia. Nei giorni del solstizio d’estate, intorno al 21 giugno, il sole rosso (poco prima di tramontare) s’infiltra nella caverna facendo risplendere le pareti di fondo di un suggestivo color granata. Questo fenomeno, scoperto dall’archeologo Alberto Scuderi, doveva rivestire per le antiche popolazioni un significato religioso e propiziatorio.

Grotta dei Cavalli
Grotta dei Cavalli

Salendo verso Nord, oltrepassato il Vallone Acci, si apre la Grotta Mastro Peppe Siino, in essa si stabilirono comunità di cacciatori, attratti dall’ingente quantità di animali da cacciare e, durante il recente periodo bellico, fu rifugio per sfollati e viandanti.

Grotta Mastro Peppe Siino
Grotta Mastro Peppe Siino

Tra i settori destinati agli arrampicatori di livello medio non può non essere citata la falesia di Portella delle Vacche, in contrada Makari, collocata tra il settore denominato “Bunker” e il “Campeggio El Bahira”, costellata da incisioni lineari che scandiscono la presenza umana nell’area speleologica.

L’estrema fascia della Penisola di San Vito lo Capo, la Piana di Sopra, ha invece una forte concentrazione di cavità di origine marina: quattro cavità per chilometro.

Altre decine di grotte sono sparse nel territorio provinciale. Sono quasi tutte carsiche, di non facile accesso, ci si entra strisciando: è necessario essere attrezzati e accompagnati da esperte guide speleologiche.

Potrebbe piacerti anche

Aperitivo a San Vito. Il rito al tramonto
  • San Vito Lo Capo
  • Esperienze e Itinerari

Aperitivo a San Vito. Il rito al tramonto

Il rito dell’aperitivo a San Vito Lo Capo fa da padrone e quello che fino a un po’ di tempo fa era un orario di...

  • Paola Corso
  • 31 maggio 2021
Pesca d’altura a San Vito Lo Capo
  • San Vito Lo Capo
  • Esperienze e Itinerari

Pesca d’altura a San Vito Lo Capo

Un’esperienza di mare

"Soffia, soffia a prua… no, non siamo nello sconfinato Oceano e non c’è il capitano Achab ad ascoltare il grido...

  • Ninni Ravazza
  • 28 maggio 2021
Spiagge in provincia di Trapani: baie e calette di cui innamorarsi.
  • Trapani
  • Mare e Montagna

Spiagge in provincia di Trapani: baie e calette di cui innamorarsi.

Tramonti indimenticabili

Quali sono le spiagge della provincia di Trapani da non perdere? Se state programmando una vacanza in Sicili...

  • Federica Barbera
  • 20 luglio 2022
Le Saline Trapanesi
  • Trapani
  • Esperienze e Itinerari

Le Saline Trapanesi

Il disegno dell'uomo nella natura

Nelle saline trapanesi natura e attività umane s’intrecciano in equilibri antichissimi, custoditi in un patrimoni...

  • Mario Torrente
  • 22 febbraio 2023
Visite e degustazioni in cantina: dal marsala ai vitigni autoctoni trapanesi
  • Marsala
  • Esperienze e Itinerari

Visite e degustazioni in cantina: dal marsala ai vitigni autoctoni trapanesi

Le visite e le degustazioni in cantina, alla scoperta dei vitigni autoctoni siciliani e della cultura legata al vino...

  • Federica Barbera
  • 8 agosto 2020
I Tramonti di Trapani
  • Trapani
  • Esperienze e Itinerari

I Tramonti di Trapani

I mille volti del sole

Chi non s’è fermato ad ammirare un tramonto o non ha approfittato dei suoi magici colori per rendere speciale un ...

  • Paola Corso
  • 18 maggio 2021