Wedding Destination in Sicilia. La provincia di Trapani dice la sua

Wedding Destination. Una definizione che raccoglie due significati. Una legata al desiderio della coppia che mira a “un luogo da sogno” per il giorno del proprio matrimonio, che coniughi bellezza, eleganza, spensieratezza, svago, vacanza e insieme viaggio di nozze. L’altro è un significato più legato al mondo dell’economia turistica, del target dell’offerta, al lavoro che si muove attorno alle wedding destination e che però, con una inversione di termini Destination Wedding, assume il sapore del business ed è concentrato sul mercato dei matrimoni delle coppie straniere in Italia. Breve analisi economica prima di passare ai luoghi.

Quanto vale il mercato del Destination Wedding

500 milioni di euro di fatturato annuo prodotto da circa 9mila eventi. Questo il valore di questo particolare mercato che guarda soprattutto a clienti stranieri. I dati sono del Centro Studi Turistici di Firenze. La peculiarità di questo mercato è che è capace di generare flussi turistici di altissimo valore qualitativo ed economico. Insomma le coppie che dall’estero scelgono l’Italia per sposarsi hanno denaro da spendere e lo spendono volentieri. Per capire meglio ancora ci soccorre nuovamente l’analisi del Centro Studi Turistici di Firenze. Nel 2018 nell’organizzazione dei 9mila eventi di nozze sono stati impegnati 60mila lavoratori del comparto per la fornitura di prodotti (fioristi, ristoratori) o servizi (wedding planner, albergatori, noleggiatori, musicisti). Il flusso turistico è stato calcolato in oltre 450mila arrivi e un milione e mezzo di presenze in strutture ricettive (alberghi, residence, charme hotel, ville e dimore storiche). Spesa media per ogni coppia (anche ripartite con gli ospiti), quasi 57mila euro.

Chi sono e dove vanno le coppie Destination Wedding

E per chiudere con numeri e statistiche un po’ di dati di provenienza. Anche se gli inglesi, con la brexit, hanno scelto di stare fuori dell’Europa i cittadini britannici amano l’Italia, oggi come ai tempi del gran tour, e il 28,1% delle coppie straniere che si sposano in Italia vengono dal Regno Unito. Seguono Statunitensi (21,9%), australiani (9,4%), tedeschi (5,5%), canadesi (4,5%). Minore la percentuale degli scandinavi, comunque presenti nella graduatoria. Di tutta evidenza il mondo sassone e anglosassone ama l’esoticità del Mediterraneo. Tra le regioni più gettonate la Toscana (con le sue colline, le ville e l’area del chianti), la Lombardia (laghi e borghi montani), Campania (Napoli e costiera amalfitana), Veneto (Venezia e le ville del Brenta); Lazio (Roma, Tivoli e Castelli Romani). In ascesa Puglia e Sicilia.

Destination Wedding Sicilia

In Sicilia luoghi elettivi dei matrimoni tra coppie straniere sono Taormina, rinomata fin dai primi del 900 tra i viaggiatori inglesi e del nord Europa, e la vicina val di Noto con le sue chiese e architetture barocche. Tra i matrimoni nella fastosa cittadina barocca di Noto ha avuto risonanza mondiale quello tra la fashion blogger Chiara Ferragni e il rapper Fedez. Centocinquanta gli invitati, ospiti di una vicina dimora storica. Vi sono poi tutte le nostre isole minori: Pantelleria, Ustica, Lampedusa e Linosa e gli arcipelaghi delle Egadi e della Eolie. Il fascino delle nozze su una piccola isola, accolti dal colore e dal calore della comunità dei residenti è una esperienza emozionale fortissima per gli sposi stranieri e i loro ospiti. In forte crescita molti siti e città della Sicilia Occidentale, Palermo, su tutte con gli intorni e le numerose ville e dimore storiche dal sapore gattopardiano, i castelli sul mare di Trabia, la celeberrima villa Igiea, le cale di Cefalù. A Palermo si sono sposati sul mare del Nautoscopio, il musicista Roy Paci e la psicologa e mediatrice culturale Giovanna Schittino. Non poteva essere che il Castello di Donnafugata, a Ragusa, una magione del tardo ‘800 con annesso labirinto di pietra, il luogo per la celebrazione delle nozze tra gli attori Luca Zingaretti e Luisa Ranieri. Una location nota per essere entrata decine di volte nella serie TV de “Il Commissario Montalbano”. Ospiti molti altri attori del cast. Anche la Tonnara di Marzamemi, nel comune di Pachino, luogo di riprese del Commissario Montalbano è tra i luoghi scelti per le nozze.

Destination Wedding in Provincia di Trapani

In provincia di Trapani il mercato Destination Wedding è cresciuto progressivamente nel corso degli ultimi quattro anni. Motore trainante sono state le isole Egadi: Favignana, Levanzo e Marettimo che, grazie anche a una amministrazione comunale che vi ha intravisto un’altra nicchia di economia turistica da implementare, sono cresciute in questa direzione. Il comune ha messo a disposizione di tutti gli sposi Palazzo Florio di Favignana – Sala Consiliare e annesso giardino.

Palazzo Florio Favignana
Palazzo Florio Favignana

Ma richiedendo le necessarie autorizzazioni sembra siano disponibili spazi alla Tonnara Florio. Trapani non è ancora una vera e propria wedding destination, ma non è priva di luoghi di un certo fascino già autorizzati dal Comune, ne citiamo due tra tutti: Bastione Conca, Via Mura di Tramontana (area delimitata da cancellata) l’antica fortificazione che delimita la città vecchia che si affaccia sul panorama della litoranea nord del centro storico; il Piazzale antistante Torre di Ligny, punta protesa sul mare dove si incrociano il mar Tirreno e il Mediterraneo Meridionale.

torre ligny matrimonio
Torre Ligny – Trapani

Ci sono poi i borghi medievali di Erice e Salemi, entrambi già scelti nel recente passato per nozze tra cittadini stranieri. Le campagne salemitane sono poi ricche di antichi bagli oggi trasformati in dimore storiche o luoghi di ricevimento di fascino, come il Baglio Borgesati, la sua struttura racconta una storia lunga cinque secoli.

baglio borgesati matr civile
Baglio Borgesati – Salemi

 

Baglio Borgesati - Salemi
Baglio Borgesati – Salemi

Un vero boom di presenze sembra abbia registrato anche il Parco Archeologico di Selinunte, individuato d’intesa con il comune come sito per le nozze. In questo caso, oltre a ospiti stranieri l’area archeologica ha visto anche alcune coppie italiane, e relativi ospiti, attratte da uno dei più importanti siti di scavo d’Europa. Poi vi sono alcuni importanti siti privati. A Marsala le Cantine Fina e le Cantine Florio, entrambe capaci di coniugare la tradizione di azienda vinicola con l’accoglienza e l’organizzazione di nozze, e il Baglio Oneto, antico baglio seicentesco, quest’ultimo anche con la possibilità di ampi spazi per l’ospitalità. Siti scelti da diverse coppie. Infine la “regina” delle location: la Tonnara di Scopello, nel comune di Castellammare del Golfo. Un luogo magico, in cui si respira incanto, tradizione, autenticità.

cantine Fina matrimonio
Cantine Fina – Ph: Piero Lazzari
cantine Fina matrimonio
Cantine Fina – Ph: Piero Lazzari

 

cantine Fina matrimonio
Cantine Fina – Ph: Piero Lazzari
cantine florio matrimonio
Cantine Florio – Ph: Piero Lazzari
cantine florio matrimonio
Cantine Florio
 baglio oneto matrimonio
Baglio Oneto
 baglio oneto matrimonio
Baglio Oneto
wedding Tonnara di scopello
Tonnara di Scopello – Ph: Piero Lazzari
wedding Tonnara di scopello
Tonnara di Scopello – Ph: Piero Lazzari

Forti e pressanti richieste sono giunte a diversi comuni per cerimonie su spiagge aree demaniali in riva al mare. I comuni si stanno organizzando per rendere più snelle le fasi autorizzative. Nulla, comunque che un buon wedding planner non possa superare.

Non solo classico matrimonio

Molte delle cerimonie allestite per le coppie straniere non assumono valore legale (a meno che l’atto di nozze ufficiale non abbia un riconoscimento giuridico internazionale in forza di convenzioni o di accordi bilaterali tra Stati), ma hanno valore simbolico, per le coppie e gli ospiti. Il luogo scelto, il più delle volte, non è estraneo a questo clima celebrativo. È il caso, per esempio, del rinnovo delle promesse, quando gli sposi intendono nuovamente scambiarsi i voti matrimoniali e rivivere il giorno del fatidico sì. L’Engagement: è quello che noi definiremmo la festa di fidanzamento, molti stranieri scelgono prima della cerimonia formale e legale, scambiarsi la promessa di matrimonio con amici in luoghi di particolare bellezza, con uno sguardo alla mondanità e al divertimento. Ci sono coppie che scelgono la destinazione anche in funzione della potenzialità social. Si parla in questo caso di Social Wedding, con il pieno coinvolgimento di professionisti che organizzano i social con hashtag dedicati, tag, raccolte fotografiche on line, dirette FB o Instagram e mini wedding site. Le Wedding Week, molto diffuse nel mondo anglosassone vedono festeggiamenti che proseguono per più giorni, come se si trattasse di un vero e proprio viaggio, a volte con vere e proprie comitive di amici che seguono gli sposi. Una specie di viaggio di nozze allargato. Ma ci sono anche le coppie molto riservate che scelgono la formula Elopment: nozze intime, curatissime nei dettagli, di estrema eleganza, con pochissimi invitati, una dozzina al massimo. Una fuga d’amore lontano da tutti, solo con i più cari, in luoghi di incanto. Infine il Beach Wedding: cerimonie informali, in riva al mare, dove prevale negli sposi e negli ospiti il richiamo della natura e alla natura.

 

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.