LIPARI: BATTUTA DI PESCA AL TRAMONTO

Tra Totani e Malvasia

Si parte al tramonto da Marina Corta di Lipari, con pochi passeggeri a bordo e un unico obiettivo: una battuta di pesca ai totani. Ci si allontana un po’ in mare aperto, ci si ferma a debita distanza dalla Rocca del Castello, si calano i richiami in acqua e, nell’attesa, mentre il sole cala all’orizzonte, si degusta un aperitivo con capperi, insalata eoliana e la caponatina sapientemente cucinata dalla moglie del pescatore. Nel frattempo arrivano i primi totani e, dopo averli tirati in barca, si cucinano sul posto.

LIPARI BATTUTA DI PESCA AL TRAMONTO

Ed ecco, la cena è servita, in un’atmosfera memorabile sospesa tra cielo e mare, tra i refoli caldi del dio Eolo, il dolce dondolio della barca e un calice di prelibato Malvasia tra le mani, quel nettare degli dei che Guy de Maupassant definì sciroppo di zolfo dorato.

tramonto lipari

LIPARI E IL TURISMO RELAZIONALE

Lo chiamano turismo relazionale ed è il nuovo modo di fare vacanza, quel tipo di viaggio in cui il turista si mescola alla comunità locale e ne condivide le esperienze accanto ad esperti pescatori, per un’avventurosa battuta di pesca al chiaro di luna o per una levataccia all’alba per ritirare le nasse, tra i più antichi sistemi di pesca del Mediterraneo, con cui si catturano ancora gamberetti, aragoste e pesci di piccola taglia.

LIPARI: BATTUTA DI PESCA AL TRAMONTO

PESCATURISMO A LIPARI

La pescaturismo non è solo un’ottima chance economica offerta ai pescatori liparoti nella stagione estiva, ma è anche il nuovo trend del turismo, quello che mette in contatto chi arriva in Sicilia con chi ci abita da sempre, chi fa vacanza con chi conosce perfettamente i luoghi, le abitudini e le specialità culinarie ed è, quindi, il miglior testimonial del suo territorio e di quell’immenso patrimonio culturale fatto di abilità, storie, aneddoti e tradizione da raccontare ai turisti più curiosi e intraprendenti, accolti in casa o in barca come vecchi amici.

PORTO LIPARI

Nate come alternativa al turismo balneare sono anche chiamate vacanze attive, perché i viaggiatori, tra un tuffo e l’altro, imparano i segreti del mare, le sue correnti, i miti e tutte le sorprendenti leggende legate alle coste, alle grotte e ai monumentali faraglioni che cingono l’isola.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.